Unesco, nasce la Rete dei 14 siti del Sud

52

Matera è la provincia capofila dei 14 siti Unesco presenti nel Sud d’Italia e inseriti nel progetto Rete Siti Unesco, cofinanziato dal ministero per i Beni e le attività Culturali, elaborato dall’associazione province Unesco Sud Italia e promosso dall’Unione delle Province d’Italia (Upi). Per mettere in sinergia esperienze e patrimoni artistici e culturali, domani alle 10 nella città dei Sassi, a Palazzo Lanfranchi, ci sarà la presentazione del progetto che punta sulla capacità dei siti ‘in rete’ di fare da traino ai territori stessi, sfruttando il brand Unesco. Ma anche promuovendo un nuovo sistema che unisca in un’offerta turistica – “unica e integrata” – nuove tecnologie con le risorse paesaggistiche, culturali, enogastronomiche. Nel progetto sono coinvolti 15 enti locali tra Province, Città metropolitane, Liberi consorzi comunali e Comuni del Mezzogiorno che abbiano almeno un sito Unesco. Alla Rete aderisce anche l’associazione Province Unesco Sud Italia. Con quella di Matera, sono coinvolte 4 province: Barletta – Andria – Trani, Caserta, Foggia e Salerno. 6 i Comuni inseriti: Alberobello, Benevento, Matera, Monte Sant’Angelo, Noto, Barumini. Piu’ 2 Liberi consorzi comunali: Siracusa, Enna. Ed ancora 2 Città metropolitane, Bari e Palermo. Uno dei punti cardine del progetto è rappresentato dal Festival #UNESCOfestivalexperience, primo festival dei siti Unesco del Sud, che si svolgerà da luglio a settembre 2018 nei siti Unesco di Basilicata, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.