UniCredit Foundation premia 10 progetti d’impresa. Due sono campani

71

UniCredit Foundation ha annunciato i nomi dei dieci progetti, distribuiti sull’intero territorio nazionale, che hanno vinto l’ultima edizione del Bando UniCredit Carta E, finalizzato a sostenere l’occupazione giovanile in Italia. Si tratta di: AgriCo.Re (Consorzio Co.Re., Napoli), un contratto di rete nazionale tra operatori dell’agricoltura; DisseminAZIONE (La Fabbrica dei Suoni Soc. Coop. Soc., Venasca CN), laboratori musicali nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria; #ilnetworkdeimestieri (ANFFAS Onlus, Torino), manutenzione leggera delle case popolari; Nata Vita (Bambù Coop. Soc., San Sebastiano al Vesuvio NA) attività di pasticceria per giovani e disabili psichici; Percorsi di Stoffa (Arché Onlus, Milano), accompagnamento lavorativo e piccole imprese sociali per mamme in difficoltà; Ragazzi Harraga (CIAI, Palermo), inserimento lavorativo e inclusione sociale dei minori stranieri non accompagnati; Sapori di Langa (Terra Mia Soc. Coop. Soc., Dogliani CN), prodotti da forno e lavorati agroalimentari biologici; Semìno (Pictor Coop. Soc., Bologna), coltivazione di specie non ancora presenti nel mercato italiano; Social Wash (Pictor Coop. Soc., Fontanaviva PD), servizio di autolavaggio a domicilio a basso impatto ambientale; Unchained Solidarity (A.R.P.J. Tetto Onlus, Roma), organizzazione e gestione di eventi, per una connessione virtuosa tra il mondo profit e non profit. Ciascuna organizzazione premiata ha ricevuto un contributo di 42.500 euro per realizzare un progetto capace di combattere la disoccupazione giovanile in Italia. Ogni progetto sarà inoltre sottoposto ad un periodo di incubazione: una fase di accompagnamento allo sviluppo imprenditoriale, con l’obiettivo di entrare nel mercato con un corpo solido, capace di produrre utili economici e valore sociale. La prima fase sarà dedicata a una consulenza della durata di sei mesi, in cui ogni team parteciperà a cinque workshop, virtuali o in presenza a Milano, della durata di circa tre ore ciascuno e un workshop conclusivo a Milano, con tutte le organizzazioni. Seguiranno altri diciotto mesi di follow up, con verifiche costanti ogni sei mesi per valutare l’andamento dei progetti. L’iniziativa è in collaborazione con Make a Cube3, primo incubatore certificato e acceleratore in Italia specializzato in imprese ad alto valore sociale, ambientale e culturale che insieme ad UniCredit Foundation ha selezionato i primi 20 progetti, scelti sulla base del potenziale impatto sull’occupazione giovanile, nella fascia di età 15-29 anni, tra i quali sono poi stati individuati i 10 vincitori. “Pensiamo che l’incubazione sia un momento fondamentale per la crescita delle imprese sociali, tanto quanto il finanziamento che ricevono. Le organizzazioni hanno bisogno di ricevere consigli specialistici esterni, indicazioni operative, rivedere alcune scelte, se necessario, prima di affrontare il mercato. L’obiettivo è la sostenibilità dei progetti nel tempo, che garantisce la stabilità dei posti di lavoro creati”, ha detto Maurizio Carrara, presidente di UniCredit Foundation.