Unicredit sempre più digitale, 185 mila clienti online in Campania: via all’intesa con Google

38
in foto Gianni Franco Papa, Direttore Generale di UniCredit

In Campania a fine settembre 2018 sono 185.856, di cui 113.455 a Napoli e provincia, i clienti attivi online (+6,7% anno su anno nella regione; +6 a Napoli) e 122.133, di cui 74.210 a Napoli, i clienti mobile (+27,5% anno su anno nella regione; +26,9 a Napoli). In aumento del 3% (2,85% nel napoletano) anche il numero delle transazioni migrate su canali digitali.
OIoltre, a partire da oggi i possessori di carte di pagamento UniCredit in Italia ed in Campania potranno usufruire di Google Pay: basterà scaricare la app di Google Pay, oppure attivare l’app Monhey dall’app Mobile Banking UniCredit, aggiungere le proprie carte di credito, debito e prepagate UniCredit per iniziare a usarle e pagare presso i negozi, online e con i prodotti Google.
Inoltre, per tutto il mese di dicembre UniCredit inviterà clienti e non clienti a recarsi nelle proprie filiali Campania, ma anche ad accedere alla banca attraverso i canali on line e mobile, per sperimentare la sinergia tra i canali fisici e digitali. Si chiamano U-Days e hanno lo scopo di promuovere la conoscenza dei pagamenti digitali e delle App di pagamento ma anche, più in generale, di accompagnare i clienti nella conoscenza e nell’utilizzo dei nuovi servizi on line e mobile, come l’apertura di un conto corrente tramite selfie, il pagamento di un F24 tramite ATM evoluto o banca on line o il pagamento delle bollette tramite finger print. “Grazie a Google Pay – afferma Gianni Franco Papa, Direttore Generale di UniCredit – il nsotro Istituto completa la propria offerta mettendo a disposizione dei suoi oltre 7 milioni di clienti italiani in possesso di 9 milioni di carte di debito, credito e prepagate i principali servizi di pagamento tramite smartphone per acquisti sia online sia presso i punti vendita fisici grazie ad accordi diretti con Google Pay, Apple Pay, Samsung Pay, e con Alipay, quest’ultimo rivolto ai clienti esercenti per i soli punti vendita fisici”.