Universiadi, Lentini (Cusi): Il San Paolo? Lo rimetteremo a nuovo

39
In foto Lorenzo Lentini

“De Laurentiis dice che il San Paolo è un cesso, ma noi con le Universiadi lo ristruttureremo”. Lo ha detto Lorenzo Lentini, presidente del Cusi, a margine della cabina di regia sulle Universiadi di Napoli 2019. “Ci sono venti milioni per rifare la pista, l’illuminazione e la ristrutturazione complessiva del San Paolo – ha sottolineato Lentini – con anche il maxischermo e i sediolini nuovi. Ma in generale sugli impianti siamo tranquilli, perché son venuti a più riprese i tecnici della Fisu e hanno fatto una valutazione positiva. Ci sono lavori di restyling che verranno fatti prima delle Universiadi, e anche se non ce la facessimo siamo autosufficienti perché ci sono tantissimi impianti. Ma l’eredità che vogliamo lasciare al territori è la ristrutturazione”. Sulla richiesta della Fisu di un più corposo staff locale, Lentini ha spiegato: “Abbiamo chiesto alla Fisu di dare tutto l’apporto della loro esperienza organizzativa, è evidente che per questa manifestazione è necessario avere esperienza, professionalità e qualificazione. Su questo il commissario ha aperto e noi come Cusi faremo la nostra parte ma abbiamo anche bisogno dell’apporto della Fisu, dobbiamo fare tutti squadra”. Sul villaggio degli atleti Lentini ha spiegato che “a Salerno siamo già pronti a partire grazie all’accordo tra Università, Comune di Salerno e Cusi. Abbiamo messo a disposizione i 2.000 posti letto e le mense universitarie. Ci sono anche la residenza della Federico II a Pozzuoli con 500 posti in una struttura bellissima, e poi abbiamo la disponibilità del porto per le navi”.