Università, a Bacoli la nuova sede della Federico II per lo studio dell’archeologia sommersa

102

L’Università Federico II di Napoli istituirà una sede per lo studio e la ricerca dell’archeologia sommersa a Bacoli, nella struttura di villa Ferretti, bene confiscato alla camorra. Nelle scorse settimane è stato sottoscritto l’accordo di partenariato tra l’Università federiciana ed il comune di Bacoli. Oggi sono stati avviati i lavori per realizzare nella struttura la nuova sede universitaria. Ne ha dato notizia il sindaco della città flegrea, Josi Gerardo Della Ragione. “Sono cominciati i lavori per ospitare la sede universitaria di archeologia sottomarina a Villa Ferretti. È un cantiere storico per la città. Sotto al Castello Aragonese di Baia, a due passi dal Museo Archeologico. Affacciato sul golfo dei Campi Flegrei. In questa sede verranno ospitati corsi e seminari universitari in generale, ma anche e soprattutto per approfondire e far conoscere l’immenso patrimonio che viene custodito nel mare tra Pozzuoli, Baia e Capo Miseno”. Il sindaco ha assicurato che sarà sempre garantito l’accesso alla spiaggia e al mare per i residentei, come rimarrà fruibile il parco verde, anche durante le opere del cantiere.