Università, aumenta il numero di matricole: più 2% in 2015-16

30

Dopo il diploma? Aumentano le iscrizioni all’università, soprattutto tra le ragazze. E il voto conseguito alla Maturità ha un “peso” sulla scelta: i “100 e lode” si iscrivono prevalentemente a corsi dell’area di Ingegneria. E’ quanto emerge dall’ultimo Focus del Miur sulle immatricolazioni nell’anno accademico 2015-2016.

6.000 MATRICOLE IN PIU’ 
Nel 2015-16 gli immatricolati sono complessivamente 271.119, 6.000 in più rispetto allo scorso anno. Si registra dunque un +2% che diventa +3% se si guarda solo ai nuovi iscritti di età non superiore ai 19 anni. La mappa delle immatricolazioni caratterizza in modo differenziato le diverse aree del Paese: +5,2% di nuovi ingressi nel Nord-Est (valore massimo) e -2,1% nelle Isole (valore minimo). I diplomati del Nord tendono a rimanere maggiormente nella propria area geografica, mentre circa 1 diplomato su 4 del Sud e delle Isole sceglie un ateneo del Centro o del Nord.

OLTRE META’ DIPLOMATI PROSEGUE 
Il tasso di passaggio dalla scuola all’università è in crescita dopo diversi anni di fase negativa: più della metà dei diplomati si è iscritta, infatti, quest’anno a un corso di laurea subito dopo l’esame di Stato. Le regioni con il tasso di passaggio più elevato sono Lombardia, Liguria, Marche, Abruzzo e Molise; le regioni in cui i ragazzi presentano meno propensione a proseguire con lo studio universitario dopo il diploma sono Sardegna, Sicilia, Campania e Puglia.

VOTO MATURITA’ INFLUENZA DECISIONE 
Nel proseguimento degli studi la componente femminile è più numerosa: il 55,6% delle neodiplomate si iscrive all’università, mentre la percentuale relativa agli uomini è pari al 45%. In tutte le aree si evidenzia una maggiore presenza delle donne, a eccezione dell’ area scientifica dove su 10 immatricolati 6 sono uomini. Al crescere della votazione al diploma aumenta anche la propensione a immatricolarsi: oltre il 90% delle eccellenze sceglie di continuare gli studi all’università, mentre la percentuale scende al 22% tra coloro che hanno ottenuto 60/100. I diplomati che hanno conseguito una votazione eccellente si iscrivono prevalentemente a corsi dell’area di ingegneria (24,8) seguita dall’area medica (15,4).

8 IMMATRICOLATI SU 10 ARRIVANO DA LICEI 
La quasi totalità degli immatricolati proviene dal percorso liceale. La bassa percentuale di immatricolazioni tra gli studenti degli Istituti professionali e tecnici è dovuta anche alla possibilità di proseguire gli studi con percorsi di formazione terziaria non universitaria, come, ad esempio, gli Istituti tecnici superiori. La scelta del corso di laurea è influenzata dal tipo di maturità conseguita. I diplomati del Classico prediligono l’area giuridica e letteraria; quelli dello Scientifico le aree ingegneria, economico-statistica, geo-biologica e medica; il 34,5% degli studenti con maturità linguistica prosegue gli studi nella stessa area; area insegnamento e politico-sociale per i diplomi di Scienze umane. Area economico-statistica la più scelta fra i diplomati con maturità tecnica nel settore economico indirizzo Amministrazione, finanza e marketing.