Università: Open Week Unicatt supera i 210mila spettatori e 3 mln di persone raggiunte (2)

13

(Adnkronos) – “Questo significa -ha continuato Anelli- che restano vive le speranze su qualcosa che è importantissimo, cioè la formazione e l’acquisizione di competenze e di conoscenza. La conoscenza è il bene più durevole che ci sia, e se si rinuncia a costruirlo adesso, lo si è perduto per sempre o comunque per un lungo periodo perché ricostruirlo poi è decisamente più difficile a livello individuale e sociale. Quindi la reazione fondamentale è che il nostro Paese abbia la capacità, il coraggio, la lungimiranza di investire non tanto per sostenere le università, che pure è molto importante, ma a beneficio di chi deve imparare. Bisogna investire sulle generazioni future. Per tutte queste ragioni ripartire dagli strumenti di formazione, dai luoghi e dalle sedi di conoscenza non è un’innovazione generica ma ha veramente a che fare con il tentativo di costruire, di accumulare quel capitale umano, prezioso e insostituibile, che sarà poi la premessa della prosperità e anche della ricchezza morale e sociale delle società del futuro”.