Usa: da Milano a New York sogno imprenditoriale diventa bakery made in Italy

12

Roma, 6 nov. (Labitalia) – Una nuova bakery, completamente made in Italy, nel cuore di Park Slope, in 72 7th Avenue, a Brooklyn: è MotherDough, inaugurata da pochi mesi, e a crearla è stata l’imprenditrice e pasticciera italiana Elisa Rizzi. Classe ‘82, Elisa ha studiato con i più grandi maestri del Bel Paese prima di sbarcare da Milano a New York nel 2015, con il progetto di trasferire la cultura di una pizza di altissima qualità negli Stati Uniti.

Talento italiano, sogni americani, Elisa Rizzi si avvicina alla pasticceria 10 anni fa, sotto la guida di Iginio Massari, di Piergiorgio Giorilli e di Giuliano Pediconi, e da allora il suo obiettivo è stato quello di trasferire l’altissima competenza dei maestri pasticcieri e panificatori italiani oltreoceano. Dopo aver studiato presso Castalimenti, Elisa è stata consulente pasticciera per il The Four Season Restaurant e per il Gotham Restaurant di New York, prima di coronare il suo sogno imprenditoriale con MotherDough.

Del resto, la passione per la pizza degli americani è straordinaria: sono i maggiori consumatori a livello globale, con 13 kg a testa, quasi il doppio degli italiani che si fermano a 7,6 kg all’anno; il 94% degli americani mangia abitualmente pizza. Un’arte, quella del pizzaiolo, diventata recentemente Patrimonio Unesco, che è importante diffondere anche all’estero per affermare la qualità tradizionale del prodotto simbolo del food made in Italy, in un settore che vale 10 miliardi di euro e che dà lavoro ad almeno 100mila lavoratori fissi. Nella sola America, ci sono ben 69 mila pizzerie che producono 3 miliardi di pizze all’anno.

Ma cos’è che riesce a fare la differenza? “Per MotherDough – afferma Elisa Rizzi – ho deciso di utilizzare il 100% di materia prima proveniente dall’Italia, come la selezione di cereali biologici del Mulino Paolo Mariani, eccellenza marchigiana con oltre un secolo di storia alle spalle. Questo tipo di approccio fa la differenza e rende la pizza e i prodotti lievitati estremamente sani. Il mio sogno è poter partire da questa bakery come progetto pilota ed espandermi anche in altri quartieri di New York e, perché no, anche in altre città degli Usa, come ad esempio Los Angeles, San Francisco e Chicago”.

Usando farine integrali, cereali e lievito madre, Elisa è riuscita a creare un impasto speciale la cui lievitazione richiede 2 giorni. Il lievito madre di Elisa ha 10 anni e nasce da quello del maestro panificatore Piergiorgio Giorilli, che ha ben 50 anni. Nel processo di studio dell’impasto Elisa ha in seguito incontrato il campione mondiale in panificazione Giuliano Pediconi, con il quale ha continuato il suo percorso di ricerca. Il risultato di questa lavorazione è una pizza leggera, facile da digerire e condita con ingredienti locali e di stagione che si fondono con alcune specialità importate direttamente dall’Italia, come ad esempio il Prosciutto Crudo di Parma, il Grana Padano e il pesto.

“Sono una grande amante della pizza – continua Elisa Rizzi – e così, forte di un’esperienza maturata in Italia e all’estero, dopo aver studiato il processo di lievitazione per oltre 10 anni e aver conseguito un master in pasticceria, ho deciso di aprire il mio locale per offrire a newyorkesi e turisti un impasto gustoso e leggero, anche come segno di gratitudine per avermi accolta così calorosamente”.