Usa, dalla Getty Foundation importante riconoscimento alla Biblioteca degli Intronati di Siena

109

La Biblioteca comunale degli Intronati di Siena ha ottenuto un finanziamento di 85.000 euro da parte della Getty Foundation di Los Angeles nell’ambito di The Paper Project, programma internazionale volto alla valorizzazione delle collezioni di arte grafica, istituito nel 2018. Il contributo ha premiato il progetto di ricerca ‘The Gori Pannilini Collection. A History of People and Prints in Siena 18th-20th century (La Collezione Gori Pannilini. Una storia di uomini e di stampe a Siena tra il XVIII e il XX secolo)’.

I risultati di questo progetto, della durata di due anni, verranno presentati in una mostra, in programma nella primavera del 2024, e confluiranno in una pubblicazione e in una piattaforma digitale.

La Biblioteca senese, spiega una nota diffusa dal Comune, è stata premiata assieme ad altre quattordici prestigiose istituzioni internazionali. “Questi contributi intendono premiare l’intraprendenza di quegli specialisti di grafica che indirizzano il proprio lavoro verso i tesori nascosti e gli artisti meno studiati all’interno delle collezioni delle loro istituzioni”, afferma Heather MacDonald, senior program officer alla Getty Foundation, secondo quanto riferisce il Comune senese.

A coordinare il team che si è aggiudicato il riconoscimento Annalisa Pezzo, direttrice della Biblioteca e studiosa di stampe tra XVI e XVIII secolo. Benedetta Spadaccini è la curatrice del progetto dedicato allo studio di un importante fondo di stampe appartenente al ricco patrimonio della Biblioteca.

La formazione della raccolta, dovuta all’iniziativa di Giulio Corti, conosciuto anche come Fabio Gori Pannilini (1723-1787): le incisioni, più di 2.000, appartengono a maestri quali Marcantonio Raimondi, Beatricetto, Jacques Callot, Antonio Tempesta, Francesco Villamena, Stefano Della Bella, e non mancano prove inedite e poco note. Le finalità della ricerca sono numerose ma la prima, si spiega, è senz’altro quella di rendere noto e accessibile a un vasto pubblico di studiosi, studenti, amatori e semplici curiosi questo ricco patrimonio.