Usa, Enel al primo posto nella classifica dell’Institutional Investor Magazine

34
in foto il logo dell'Enel

Enel è tra le società europee che più hanno colpito favorevolmente gli investitori durante questo anno sfidante, secondo la classifica “All-Europe Executive Team” del 2021 della rivista Institutional Investor. Il diciassettesimo sondaggio annuale della rivista ha chiesto a investitori e analisti di valutare i top executive e i programmi di Investor Relations della regione. Nella categoria Utilities, Enel si è classificata al primo posto in termini di CEO, di Investor Relations professional, così come di pratiche ambientali, sociali e di governance (ESG, dall’acronimo inglese). Inoltre, per quel che riguarda il CFO, Enel si è classificata prima per gli analisti sell-side. “Poiché lavoriamo con un team di colleghi così competenti che abbracciano continuamente e con passione la mission dell’azienda, non c’è da meravigliarsi che la nostra leadership sia riconosciuta da analisti e investitori. La nostra conferma, ancora una volta, in questa classifica, sottolinea il forte impegno di Enel nel progettare e comunicare un modello che vede business e sostenibilità come due concetti inscindibili, profondamente radicati nel modello di business dell’azienda”, ha dichiarato l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel Francesco Starace.
Institutional Investor è un editore B2B, leader a livello internazionale, che si concentra principalmente sulla finanza internazionale e che produce premium journalism, newsletter e ricerche. Organizza inoltre conferenze, seminari e corsi di formazione fornendo informazioni sull’e-business mediante i propri database del mercato di titoli nonché servizi di informazione sui mercati emergenti.
Da più di 30 anni Institutional Investor assegna riconoscimenti a persone e società per l’eccellenza dimostrata nel settore dei servizi finanziari. Nel 2020 sono stati accorpati il sondaggio Extel, che solitamente si tiene a marzo/aprile, e l’Institutional Investor Survey Europe, che tradizionalmente si svolge a settembre, con lo scopo di creare un sondaggio unificato per la valutazione dei dirigenti per area geografica.