Usa, Hospitality for the future: il progetto di Francesco Panella e John Cabot University

76

Francesco Panella, proprietario dei ristoranti “Antica Pesa” di Roma e Brooklyn e “Feroce” a Manhattan, definito il “ristoratore dei due mondi” e volto televisivo di celebri show come “Little Big Italy” e “Riaccendiamo i fuochi”, ha ideato un progetto formativo da proporre agli studenti dell’università internazionale John Cabot sotto forma di sfida dal titolo “Hospitality For The Future By John Cabot University & Antica Pesa”. È la prima volta che un’azienda legata al mondo della ristorazione e un’Università internazionale collaborano, in maniera creativa e innovativa, alla realizzazione di un modello di hospitality sostenibile, con la collaborazione attiva degli studenti dell’ateneo. Francesco Panella – che durante il periodo della pandemia – ha cercato risposte concrete attraverso tavoli tecnici, adesso, in vista della possibile riapertura cerca le stesse dai consumatori. «I giovani – dice Francesco Panella – sono i nostri interlocutori principali, i nuovi consumatori e da loro vogliamo idee, risposte, soluzioni. Con Beclay Agency, ho scelto di coinvolgere l’università internazionale John Cabot perché i loro studenti sono in tutto il mondo, rappresentano il nostro case study ideale. Loro sono il punto di partenza per il nostro futuro. Sono molto felice ed emozionato – prosegue Panella – di portare avanti questo progetto con la John Cabot University, che vede protagonisti i giovani. Loro sono il futuro, le radici da cui partire per sperare in una vita sostenibile e virtuosa. Per questo, i migliori progetti saranno attuati nelle mie aziende che da sempre sono attente a tutto quello che concerne l’ambiente, lo sviluppo e l’innovazione. La nostra famiglia ha adottato una foresta attraverso la piattaforma Treedom e per questo vogliamo che i vincitori della challenge possano prendersi cura dell’albero che gli doneremo, come simbolo di nascita, crescita e futuro». L’iniziativa si pone come obiettivo, l’ideazione di nuovi modelli di business e di sostenibilità per le attività della ristorazione, che stanno subendo un grave contraccolpo economico, a causa della crisi legata alla pandemia. Nel corso della sfida, le classi del prestigioso ateneo internazionale dovranno presentare dei progetti che guardino alla ristorazione del futuro. Tecnologia e sostenibilità sono le parole chiave, due concetti fondamentali per creare dei nuovi modelli di business d’avanguardia, nel totale rispetto dell’ambiente. Gli alunni dovranno quindi ideare i migliori piani per rendere un ristorante sostenibile, coinvolgere gli stakeholder e comunicare attraverso i mezzi di comunicazione azioni virtuose della ristorazione contemporanea.