Usa, Novella Calligaris all’Onu con la mostra su sport e sviluppo

21

In occasione della giornata internazionale che celebra lo sport come vettore di sviluppo, l’Italia ha portato all’Onu “Run for Art”, una mostra di 40 scatti fotografici sul tema “Lo Sport nel tuo continente” in cui altrettanti giovani under 35 hanno raccontato Africa, le Americhe, l’Asia, l’Europa e l’Oceania attraverso lo sport. “Non c’è modo migliore di segnare questa ricorrenza che con un mito del nuoto azzurro come Novella Calligaris al mio fianco”, ha detto il vice rappresentante permanente italiano alle Nazioni Unite Inigo Lambertini a cui si è aggiunta, al taglio del nastro, l’atleta padovana, campionessa mondiale nel 1973 e che alle Olimpiadi di Monaco dell’anno precedente fu la prima italiana a vincere una medaglia nei tre eventi in cui aveva gareggiato. Obiettivo della mostra-concorso, arrivata alla terza edizione e diventata internazionale grazie al sostegno dell’Istituto per il Credito Sportivo con il patrocinio del Ministero degli Esteri, era di fare cultura attraverso lo sport, e “la forma d’arte che meglio rappresenta lo sport è la fotografia”, ha detto la Calligaris. Il concorso è stato studiato e organizzato da giovani per i giovani durante uno stage formativo alla Fondazione Giulio Onesti: “Run for Art” nasce infatti nel 2015 dall’idea di una stagista, oggi affermata architetto, ed è stata concepita come una vera e propria gara sportiva: nell’edizione in corso hanno partecipato 1.000 università di arte e fotografia di tutto il mondo ma solo 8 scatti per ognuna delle 5 categorie, sono entrati in finale e hanno avuto l’onore di essere esposti nella sede delle Nazioni Unite a New York.