Usa, torna la parata del Columbus Day tra polemiche e attacchi. Niaf: Non ci faremo intimorire

28
Typical parade photos.

L’annuale parata del Columbus Day ha fatto il suo ritorno a New York lunedì dopo lo stop dello scorso anno causa pandemia. Un nutrito e colorato corteo festoso ha risalito la Quinta strada fra due ali di folla dominate dal verde, bianco e rosso del tricolore italiano. Il Giorno di Colombo è il 12 ottobre ma per tradizione, dal 1971, si festeggia il secondo lunedì del mese. Trentacinquemila i partecipanti alla parata secondo gli organizzatori, mentre sarebbero stati centinaia di migliaia gli spettatori lungo il tragitto che attraversa Manhattan. Una celebrazione su cui negli ultimi anni sono calate ombre pesanti insieme all’accusa di razzismo lanciate contro l’esploratore genovese responsabile, secondo i suoi detrattori, di avere brutalizzato le popolazioni locali durante i viaggi nelle Indie Occidentali. Critiche e polemiche che hanno portato la metà degli stati americani a cancellare la ricorrenza o a rimpiazzarla con una giornata dedicata ai Nativi americani.Il Presidente americano Joe Biden quest’anno per la prima volta ha proclamato ufficialmente il lunedì del Columbus Day come occasione per celebrare anche l’Indigenous People Day, in un tentativo di riconciliazione nazionale. Alla parata hanno comunque partecipato sia il Governatore dello Stato di New York che il sindaco di origine italiana Bill De Blasio, a tratti fischiato dalla folla. Il Columbus Day fu dichiarata festa nazionale nel 1892 dal Presidente Repubblicano Benjamin Harrison per celebrare i 400 anni dalla scoperta delle Americhe.

Intanto, proprio nel giorno del Columbus Day, la chiesa cattolica italiana di St Peter a Los Angeles è stata vandalizzata con scritte contro il colonialismo. “Stop colonizing our land”, basta colonizzare la nostra terra, “land back”, restituiteci la nostra terra, sono tra le scritte trovate sull’esterno della chiesetta dalla polizia, chiamata la mattina presto dai parrocchiani, che sta indagando i fatti come ‘crimine d’odio’. Costruita nel 1904 nella zona di North Broadway, la chiesa celebra messe in inglese, spagnolo e italiano.

“L’atto vandalico nei confronti di un edificio di culto è assolutamente vergognoso, prendere di mira una parrocchia italiana nel giorno del Columbus Day è un crimine d’odio” ha commentato il presidente della Niaf, la principale associazione degli italiani in America, Robert Carlucci. “Noi italoamericani – ha detto – non ci faremo intimidire e continueremo ad onorare Colombo e il suo coraggioso viaggio che è stato elemento catalizzatore di oltre cinque secoli di immigrazione da parte di persone da ogni angolo della terra, tutti in cerca di una vita migliore”. Niaf ha annunciato che contribuirà ai lavori di restauro della chiesa con un fondo di 5mila dollari. “Contribuiremo al restauro di questa chiesa per garantire che rimanga una fonte di speranza per la sua comunità”, ha aggiunto Carlucci esprimendo anche la fiducia che la polizia di Los Angeles riuscirà ad individuare ed arrestare i responsabili. Le scritte sono state fatte sulle mura esterne e sulla scalinata della chiesa, mentre è fortunatamente fallito il tentativo da parte di vandali di forzare l’ingresso.