“Uscire da una mentalità solo conservativa dei beni culturali”. Sangiuliano: Cultura larga e libera

130
in foto il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano (Imagoeconomica)

“Vorrei cominciare la mia attività da ministro con due grandi mostre. Una su Umberto Boccioni e il futurismo. L’altra sul Rinascimento. Questi due momenti storici e culturali sono stati quelli che, ognuno a modo suo, hanno proiettato l’Italia nel mondo. Ma prima di queste grandi eventi internazionali, nei prossimi giorni andrò nella casa di Benedetto Croce, dove c’è la fondazione, a Napoli, che è la mia adorata città”. Così in una intervista al Messaggero il neo ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano affermando che “mi impegnerò per la promozione della cultura più larga e più libera possibile”. “Voglio cominciare proprio da Leopardi. E da Dante, da Benedetto Croce, da Giovanni Gentile, da Giuseppe Prezzolini. E direi anche da Antonio Gramsci”, spiega aggiungendo che “bisogna uscire da una mentalità solo conservativa dei beni culturali. E occorre creare con coraggio un nuovo immaginario italiano”, “la nostra cultura va raccontata anche con gli strumenti della modernità: cinema, serie televisive, social. Bisogna riformare il fondo unico per lo spettacolo, il Fus, e riformare la burocrazia relativa alla raccolta e all’uso dei finanziamenti pubblici”, conclude. Lo riferisce in un take l’AdnKronos.