Vaccini ad mRNA, nuovo studio: Effetti avversi? Lievi e ad esito favorevole

20

Le Miocarditi e Pericarditi potenzialmente associate a vaccinazione mRNA contro il COVID-19, in particolare con vaccino ad mRNA Pfizer-BioNTech (BNT162b2) e Moderna (mRNA-1273) sono eventi rari, con manifestazioni generalmente lievi e ad esito favorevole. Lo scrive il Giornale Italiano di Cardiologia che pubblica un Expert Opinion della Societa’ Italiana di Cardiologia, curato da una quindicina di esperti, tra i quali Gianfranco Sinagra (Centro Diagnosi e Trattamento Cardiomiopatie, Università di Trieste), Giuseppe Mercuro (Dip.Scienze Mediche e Sanita’ Pubblica, Universita’ Cagliari), Pasquale Perrone Filardi del Dip.Scienze Biomediche Avanzate, Università di Napoli. Lo studio segnala che l’incidenza stimata e’ di 1 caso per 100mila individui, ovvero oltre 10 volte inferiore a quella delle Miocarditi non riconducibili a vaccini (10 – 20 casi per 100.000). Fermo restando la natura rara dell’evento, il tasso stimato e’ piu’ elevato in soggetti con meno di 30 anni, completamente immunizzati e di sesso maschile (40 per milione tra uomini e 4,2 tra donne). Dai 30 anni in su, i tassi si riducono a 2,4 e 1,0 per milione, rispettivamente in uomini e donne. Il bilancio rischio/beneficio e’ nettamente a favore della vaccinazione contro il COVID: nei soggetti non vaccinati e con SARS-CoV-2 Miocardite e Pericardite sono nell’ordine di 11 casi rispetto ai 2,7 casi su 100mila. In particolare, occorre sorvegliare i maschi, di eta’ inferiore a 30 anni che completano il ciclo vaccinale. Lo studio propone per la prima volta un inquadramento nosografico delle forme ‘post-vaccino’ facilitandone l’identificazione e la costruzione di registri di ricerca e fornisce linee di comportamento nella vaccinazione ad mRNA in sottogruppi specifici della popolazione”. La pandemia COVID-19 in poco piu’ di un anno ha causato 2,69 milioni di decessi e 122 milioni di contagi. I vaccini hanno significativamente contribuito a ridurre i tassi di morbilita’ e mortalita’.