Vaccino, 21,6 mln le dosi iniettate. Immune oltre un decimo degli italiani. Avanti Lombardia, Lazio e Campania

56

Sono 21.615.054 i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese, l’87,2 per cento delle dosi finora consegnate, pari a 24.779.590 (15.669.810 Pfizer/BioNTech, 6.565.080 di AstraZeneca, 2.207.900 di Moderna e 336.800 di Johnson & Johnson), mentre ammonta a 6.522.822 il totale delle persone vaccinate a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino. Lo riferisce il bollettino elaborato da ministero della Salute, presidenza del Consiglio dei ministri e dal commissario straordinario al Covid-19, aggiornato alle 06:11 di oggi. La somministrazione ha riguardato 12.279.282 donne e 9.335.772 uomini. Nel dettaglio, le dosi sono state somministrate a 6.387.653 over 80, 3.614.254 soggetti fragili o caregiver, 3.274.762 operatori sanitari, 901.482 unità di personale non sanitario impiegato in strutture sanitarie e in attività lavorativa a rischio, 660.268 ospiti di strutture residenziali, 3.334.838 nella fascia di età compresa tra 70 e 79 anni, 1.473.360 nella fascia di età compresa tra 60 e 69 anni, 1.188.727 personale scolastico, 333.266 nel comparto Difesa e 446.444 altre categorie. Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate la Lombardia con 3.727.594 (il 90,7 per cento delle dosi ricevute), il Lazio con 2.086.506 (l’85,4 per cento) e la Campania 1.892.751 (l’87,3 per cento).