Vaccino Covid, chi decide tra i genitori no vax e gli adolescenti?

205
(foto da Imagoeconomica)

Genitori no vax ma i figli vogliono vaccinarsi, il conflitto si genera in famiglia. I ragazzi lo hanno capito per tornare alla normalità e ricominciare a riappropriarsi della vita quotidiana senza timori bisogna vaccinarsi. Anche se mamma o papà non vogliono perché sono convintamente no vax. E se questa discussione, a casa, è diventata un problema, spesso è approdata nelle aule di tribunale. Eppure bisognerebbe ricordarsi che quando la volontà del minore coincide con il migliore interesse per la sua salute psicofisica e la salute pubblica e con le indicazioni scientifiche, questa va tenuta in considerazione. E’ un suo diritto. Nelle settimane i pediatri hanno cercato di rassicurare i genitori, parlando loro vis a vis, con campagne di sensibilizzazione, l’informazione mediatica, eppure molti genitori no vax o già vaccinati nutrono molti timori sull’inoculazione del siero vaccinale ai loro figli, finendo per negarglielo. In principio fu qualche tempo fa un 17 enne di Firenze a sollevare mediaticamente e non solo il “no” dei suoi genitori, manifestando con decisione la sua volontà a sottoporsi al vaccino. Nel caso di un minore, egli non può conferire mandato ad un legale, proprio perché minorenne. Dunque la scuola o un’altra istituzione sarà chiamata ad attivare il servizio sociale territoriale per avviare un ricorso dinnanzi al tribunale competente. Insomma, sarà il giudice alla fine a decidere, al termine di un percorso non semplice. La procedura potrà essere attivata anche rivolgendosi al Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Altra strada ancora è quella di rivolgersi all’Ufficio interventi civili della Procura per i Minorenni che, in un verbale di ascolto, riporta la volontà del minore consentendo di chiedere l’apertura di un procedimento presso il Tribunale per i Minorenni, che nominerà un curatore speciale che sosterrà l’istanza del minore contro i genitori. In ogni caso sarà solo il giudice a potersi esprimere sul conflitto. L’ordinamento vigente prevede che un minore venga sottoposto a vaccinazione con il consenso di entrambi i genitori, e questo vale sia per le famiglie nelle quali i genitori sono coniugati, conviventi o legalmente separati o divorziati. Nelle ipotesi di contrasto tra genitore figlio o tra gli stessi genitori il conflitto potrà essere dipanato solo con ricorso al Tribunale per i Minorenni. Da valutare, invece, il ricorso al Tribunale Ordinario, quando i genitori sono separati/divorziati e quando già vi è pendente un relativo giudizio. E’ importante però ricordare come nelle scorse settimane in merito all’inoculazione del siero anti covid ai minorenni si sia espresso in un apposito documento il CnB (Comitato Nazionale di Biotetica), nel quale sottolinea che prevale la scelta dell’adolescente, rispettando la sua volontà, anche quando vi è un disaccordo con i genitori, escludendo l’ipotesi dell’obbligo mettendo invece l’accento sulla necessità di un’informazione accurata ad adulti e ragazzi, che coinvolga anche la scuola. Nel frattempo però i primi ricorsi al Tribunale hanno prodotto le prime sentenze, come quella del 03 settembre scorso, emessa dal Tribunale di Monza, che ha autorizzato la vaccinazione covid-19 di un ragazzo di 15 anni, che trovava in opposizione il papà. L’emissione del decreto è avvenuta dopo la richiesta di valutazione al pediatra che ha in cura il minorenne, per poi decretare che nel rispetto della sua volontà, in assenza di rischi e per la salvaguardia della collettività, il quindicenne si possa vaccinare anche con il solo consenso della madre. E’ scattata, invece, poche ore fa, una diffida all’Asl di Teramo per aver somministrato il vaccino ad una quindicenne presentatasi alle due inoculazioni con il padre senza il consenso dell’ex moglie dell’uomo. In un momento di conflitto, paura e confusione, gli adolescenti ancora una volta ci mostrano il buon esempio. Ma ancora una volta i genitori commetto un errore: continuano a tenere in una bolla i ragazzi, senza permettergli di esprimersi e di spiegare il perché delle loro motivazioni, rischiando di iper-proteggerli. Vanno ascoltati anche se una loro scelta non coincide con quella del genitore, bisogna indagare su come si siano documentati e quale sia il fine che vogliono raggiungere compiendola. Il disaccordo va espresso e con motivazione, il confronto sano ed equilibrato è stato sempre fonte di crescita responsabile.