“Vado in pensione e chiudo, nessuno vuole fare il calzolaio”

15

Roma, 22 lug. (AdnKronos) – Non fa un metro senza che qualcuno lo fermi. Nel quartiere di San Lorenzo il calzolaio Vincenzo è famoso quanto una rockstar. Lui che è arrivato dalla Calabria a Roma e nel 1983 ha aperto la sua attività. “E’ andato in pensione? Non ha insegnato a nessuno il mestiere?” gli chiedono gli abitanti della zona, tutti o quasi ex clienti, mentre saluta sorridendo a destra e a manca. La sua minuscola bottega, ormai, si confonde con le altre serrande chiuse su piazza dell’Immacolata. “Avrei voluto poter insegnare il mestiere a qualcuno, ma non ho trovato nessuno che volesse imparare. Con la buona volontà e un po’ d’occhio, quello che come si dice, si usa per rubare il mestiere, sarebbero bastati 4-5 mesi per apprendere le basi: rifare un tacco, lucidare o allargare una scarpa” risponde il 72enne con una punta d’amarezza. “Ho anche messo l’annuncio sul giornale. Nulla, non ha risposto nessuno – aggiunge, parlando con l’Adnkronos -. Come me lo spiego? Penso che i giovani d’oggi non sognino di fare il calzolaio. Per me, invece, è il lavoro più bello che ci sia”. I guadagni? “Sono sincero, uno con un po’ di sacrifici una famiglia la manda avanti”. Vincenzo, originario di Polia vicino a Pizzo Calabro, ha iniziato ad andare a bottega che era un bambino. “Avevo 7 anni quando ho cominciato e non ho più smesso. Per me era un’arte e una passione, non un lavoro”. E si vedeva.