Il valore si capisce nei momenti della verità

157

di Ugo Righi

Cerca di diventare non un uomo di successo ma piuttosto un uomo di valore.
(Albert Einstain)

Le imprese di successo hanno come principale patrimonio la condivisione vissuta e praticata di valori comuni.
Non solo le imprese ma qualsiasi comunità umana, cominciare dalle famiglie.
Il valore ha una forza superiore a qualsiasi altra per determinare i comportamenti, perché il controllo non avviene dall’esterno ma da dentro di noi.
È come una voce della coscienza che intima a dare a un sentimento una forma, e la forma è il comportamento che rispetta il senso indicato dal valore.
Ma il valore deve essere vero non solo dichiarato.
Dichiararlo è semplice, lo fanno praticamente tutti.
Ma fra il dire e il fare c’è di mezzo il male.
Il male del tornaconto individuale che schiaccia altri sentimenti anche verso le persone più care, vive o morte che siano.
Ci sono dei momenti della verità per capire quanto il valore è davvero posseduto o appunto solo dichiarato e coincidono, quasi sempre, con l’interesse, soprattutto quello economico.
Secondo me spesso si capisce quanto alcune coppie si sono davvero amate quando si separano, quando devono confrontarsi con i soldi.
Si capisce quanto si è amato e rispettato il proprio genitore rispettando le sue ultime volontà.
Si capisce da come un fornitore presidia il vantaggio del cliente, anche se ci perde un poco.
Si capisce da come un capo fa crescere il suo collaboratore, anche se rinuncia a una parte del suo potere.
Si capisce da come il condomino considera il vantaggio della collettività in cui vive e non il suo soltanto.
Si capisce da come il cittadino rispetta il bene comune, e così via.
Il denaro è il grande momento della verità.
Pensate anche alla vostra esperienza e sarete d’accordo con me ne sono sicuro, quasi sempre in situazioni di crisi, in momenti della verità, c’è di mezzo il denaro.
Le dichiarazioni di rispetto, di amore, di pietà, di assistenza naufragano miseramente a fronte di situazioni, dove il tornaconto personale diventa la vera scelta, il vero parametro che si considera per determinare cosa fare.
E il comportamento di costoro è reso ancora più insopportabile quando tentano di renderlo accettabile se non addirittura virtuoso.
Tradire un valore comune è doloroso come perdere un amore, come il tradimento di una lunga amicizia.
Nella nostra società liquida si misura spesso il valore in rapporto al conto in banca o al potere, non sono parametri utili per vivere meglio, soprattutto insieme.