Vax Day, a Caserta primo vaccino ad un’infermiera del pronto soccorso

53

Si chiama Ginetta De Marco, infermiera del Pronto Soccorso dell’azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, la prima persona cui e’ stata somministrato il vaccino anti-Covid nel Casertano. All’ospedale di Caserta saranno vaccinati cento tra medici e infermieri del Pronto Soccorso, in servizio all’ospedale modulare, ubicato a fianco all’azienda ospedaliera, dove c’e’ il reparto Covid, quelli delle unita’ operative a piu’ stretto contatto con tali pazienti, come pneumologia, malattie infettive. Le operazioni del Vax Day andranno avanti fino alle 16 di oggi; poi, nelle prossime settimane, la campagna di vaccinazione entrera’ nel vivo. “C’e’ grande emozione all’ospedale di Caserta per la partenza di questa campagna vaccinale dopo tanto lavoro e tante sofferenze affrontati negli ultimi mesi – dice il direttore generale dell’azienda ospedaliera Gaetano Gubitosa – tutto sta procedendo come da cronoprogramma; ci auguriamo che l’adesione degli operatori dell’ospedale alla somministrazione del vaccino sia massimo. Al momento l’80% del personale ha dato il consenso, ma stanno arrivando anche ulteriori adesioni”. Presente alle 10, alla prima vaccinazione, anche il sindaco di Caserta Carlo Marino, che parla di “momento storico per Caserta e la provincia. Questo 27 dicembre 2020 sara’ ricordato come un giorno speciale, un giorno di rinascita nel quale, dopo i tanti sacrifici fatti con responsabilita’ nel corso di un anno difficile, abbiamo avviato una massiccia controffensiva contro questo maledetto virus. Vacciniamoci tutti, proteggiamo noi stessi e i nostri cari, un gesto di responsabilita’ indispensabile per mettere fine ad una pandemia che ha stravolto le nostre vite. Ma guai ad abbassare la guardia, vi raccomando ancora prudenza e rispetto di tutte le regole che abbiamo imparato in questo brutto periodo. E in questa giornata di grande ottimismo voglio ricordare coloro che ci hanno lasciato a causa di questo virus invisibile e subdolo. Abbraccio virtualmente le loro famiglie e i loro amici. Non li dimenticheremo” conclude Marino.