“Venditore Vero”, ecco il segreto di un’azienda competitiva

177
in foto Sofia Trevisan

Quello di Sofia Trevisan è un nome noto a chi si occupa di imprenditoria, formazione professionale e strategie di vendita innovative per il panorama produttivo italiano.

Gli oltre 15 anni di esperienza sul campo hanno infatti portato l’imprenditrice veneta a stretto contatto con le logiche più segrete dei meccanismi interni al mondo del lavoro, che sono poi confluite nella creazione di reti vendita efficaci e soprattutto del brand “Venditore Vero”, rendendola a tutti gli effetti una delle più stimate e conosciute divulgatrici in Italia.

L’attività a tutto tondo di Sofia Trevisan è particolarmente articolata e conta al suo attivo una scuola per venditori e imprenditori.

“Ho imparato molto lavorando come venditrice a Dublino, a Londra e anche a Miami, dove mi sono occupata di marketing e formazione di altri venditori, negli Usa – afferma – sono impiegati sistemi rigidi che ho voluto portare in Italia, applicandoli ai corsi destinati agli imprenditori. Pure loro hanno idee sbagliate: per motivi storici prendono poco sul serio l’attività del venditore, basti pensare che l’Italia è l’unico Paese in cui questi professionisti sono partite iva pagati a provvigione. Nei nostri corsi insegniamo la gestione commerciale di un’azienda e così gli imprenditori imparano anche a rivalutare l’importanza dei venditori, tanto da investire su di loro e mandarli ai nostri corsi”.

Investire dunque sulla formazione dei venditori e sulle strategie commerciali rappresenta uno dei punti fondamentali affinché un’impresa raggiunga la vetta.

“Portare il team verso il successo richiede un metodo che va sperimentato su campo giorno dopo giorno, analizzato, studiato e perfezionato in maniera scientifica. A suggerire se la strada intrapresa è quella corretta non saranno i numeri delle vendite, ma gli occhi dei venditori che hanno ritrovato il proprio fuoco. Perché un “Venditore Vero” – conclude Sofia Trevisan – è il primo passo verso la vittoria”.

in foto Sofia Trevisan