Venerdì il picco dell’afa in Italia: a Napoli da domani si toccheranno i 39 gradi

71

Italia sempre più nella morsa del grande caldo. Secondo l’ultimo bollettino delle ondate di calore aggiornato dal ministero della Salute, il livello di “allerta 3” il più elevato (“bollino rosso”) domani, giovedì 12, riguarderà dieci città (Bari, Bologna, Campobasso, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti, Roma e Trieste) e dopodomani, venerdì 13, addirittura quindici (Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti, Roma, Trieste e Viterbo). Oggi le città da “bollino rosso” sono otto.
Il livello di “allerta 2” (“arancione”) riguarderà invece domani sette città (Ancona, Bolzano, Brescia, Cagliari, Firenze, Napoli e Viterbo) e venerdì due (Ancona e Napoli). Oggi in “arancione” ci sono dieci città. Come spiega il ministero, il “livello 3” indica “condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche”, il “livello 2” “condizioni meteo che possono rappresentare un rischio per la salute, in particolare nei sottogruppi di popolazione più suscettibili”. Le temperature percepite, sempre secondo le indicazioni del bollettino, toccheranno picchi di 39 gradi a Cagliari, Latina, Napoli e Palermo, 38 a Firenze, Frosinone, Rieti, 37 a Bari, Perugia e Viterbo; venerdì picchi di 39 gradi a Cagliari e Firenze, 38 a Frosinone, Latina, Napoli, Rieti e Viterbo, 37 a Bologna e Perugia.