Verso le Comunali: comitato elettorale de Magistris, taglio del nastro con protesta

19

Inaugurazione del comitato elettorale con protesta. È quanto accaduto a Napoli in occasione dell’apertura dell’Agorà DemA, quartier generale del sindaco Luigi De Magistras. A manifestare, silenziosamente, i familiari di Salvatore Giordano, il 14enne morto in seguito alle ferite riportate dal crollo di alcune pietre staccatesi dal frontone della Galleria Umberto I nel luglio 2014. I parenti del ragazzo hanno trovato poco rispettoso il fatto che il sindaco scegliesse come sede del comitato elettorale un locale che fa parte della Galleria Umberto, l’ex Salone Margherita in via Santa Brigida. “De Magistris, vergogna, zero rispetto per il nostro dolore” era scritto su alcuni cartelli esposti fuori l’ingresso dell’Agorà, uno spazio di diversi metri quadri affittato per tre mesi dall’associazione DemA per poter organizzare la campagna elettorale del sindaco uscente. Non solo uffici, ma anche aree espositive, sala riunioni, un palco per esibizioni e un bar. “Comprendiamo il dolore di tutte le famiglie che in questi anni hanno vissuto tragedie, ma non è vero che l’amministrazione comunale non è stata loro vicino – ha commentato De Magistris -. In questo momento è doveroso da parte nostra fare un passo indietro di fronte al loro dolore, ma bisogna anche sottolineare che non vi è alcuna responsabilità dell’amministrazione cittadina che è rimasta in questi due anni, sempre alla luce del sole, in contatto con la famiglia”, ha concluso il sindaco.