Verso le Comunali, de Magistris: le risorse per il reddito di cittadinanza sono comunali

46

”Le risorse per il reddito di cittadinanza sono tutte comunali e le abbiamo reperite facendo lotta all’evasione, risanando i conti, tagliando gli sprechi. Facendo tutto ciò che il Pd non ha fatto quando era al governo della città”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris risponde alle critiche della candidata del Pd Valeria Valente in relazione alla delibera con cui la Giunta ha istituito il reddito di cittadinanza. 
De Magistris ha ricordato che cinque anni fa, la sua amministrazione ereditò dalla Giunta Iervolino, di cui Valente era assessore al Turismo, ”un miliardo e mezzo di debito e 850 milioni di disavanzo che noi abbiamo risanato e così – ha aggiunto – abbiamo salvato le politiche sociali, assegniamo le case popolari, facciamo la refezione scolastica, assumiamo polizia municipale e maestre e diamo il reddito a chi è rimasto senza lavoro, ai giovani e – ha proseguito – attraverso un patto li aiutiamo a inserirsi nella nostra società”. 
Secondo il sindaco si tratta di ”una ricetta semplice e, allo stesso tempo, rivoluzionaria che abbiamo realizzato nonostante Renzi che ci ha tagliato i fondi e Valente per quello che ci ha consegnato”. 
Critiche alla delibera di Giunta sono arrivate anche dal candidato dei 5 Stelle Matteo Brambilla. ”Forse – ha spiegato de Magistris – la nostra delibera li fa un po’ rodere perché loro sono in Parlamento dove annunciano leggi che poi non arrivano, mentre noi in silenzio, dopo un lavoro di un anno, siamo arrivati al risultato”. De Magistris, tuttavia, ha ribadito che non considera i 5 Stelle ”avversari politici. Le loro – ha concluso – sono critiche ingiuste perché noi se vediamo proposte interessanti le valutiamo e le guardiamo e vorremmo realizzarle anche con loro”.