Via libera al nuovo codice della nautica, plauso delle associazioni

21

Roma, 31 ott. (AdnKronos) – Via libera al nuovo codice della nautica. La IX Commissione della Camera dei Deputati e la VIII Commissione del Senato hanno definitivamente approvato il testo di riforma del Codice della nautica nuovamente sottoposto al loro parere dal Governo. “L’articolato è stato modificato accogliendo la maggior parte delle nostre richieste di integrazione avanzate in un documento congiunto presentato all’indomani dell’approvazione dello schema preliminare” segnalano Assilea, Assomarinas, Assonat-Confcommercio, Confarca e Ucina Confindustria nautica

Le Associazioni maggiormente rappresentative del settore, quindi, “plaudono al complesso di un lavoro che dà all’articolata filiera della nautica e all’utenza uno strumento moderno e competitivo, che sostiene lo sviluppo della cantieristica e del refitting, riconosce pari dignità e amplia le attività commerciali, si applica alle unità iscritte al Registro internazionale, prevede le motorizzazioni Gpl, introduce nuove figure professionali, riforma la patente nautica, tutela i natanti, chiarisce alcuni aspetti del leasing, rende più competitiva la bandiera italiana e soprattutto semplifica gli adempimenti a carico dell’utenza”.

“E’ stato fatto un grande sforzo, anche di ascolto e -afferma la presidente Ucina Confindustria Nautica, Carla Demaria- per questo tutti insieme plaudiamo i presidenti delle Commissioni Altero Matteoli e Michele Pompeo Meta, i relatori del provvedimento Raffaele Ranucci e Alberto Pagani, senza i quali oggi non avremmo avuto queste importanti indicazioni nei tempi utili”.

“Soprattutto -sottolinea Demaria- ringraziamo il ministro Graziano Delrio, il Capo ufficio Legislativo, Amm. Pietro Vella, il Capo di gabinetto, Mauro Bonaretti, e la Direzione del Trasporto marittimo per la dedizione e l’attenzione mostrata in tutto l’iter del provvedimento”. “Le novità normative sono moltissime e -conclude- fra tutte vorrei ricordare il registro telematico delle unità e l’inserimento di una giornata nelle scuole italiane dedicata alla cultura del mare”.