Videogiochi digitali:
dall’Europa 2,5 milioni

35

L’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eacea) lancia un invito a presentare proposte per lo sviluppo di videogiochi nell’ambito del programma Europa Creativa, sotto-programma Media. Le risorse stanziate ammontano L’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eacea) lancia un invito a presentare proposte per lo sviluppo di videogiochi nell’ambito del programma Europa Creativa, sotto-programma Media. Le risorse stanziate ammontano a 2,5 milioni di euro. Obiettivo di Media è quello di sostenere lo sviluppo delle opere audiovisive europee come film e lavori televisivi, fiction, documentari, film di animazione e per bambini, così come supporti interattivi quali videogiochi e multimedia con maggiori potenzialità di circolazione transfrontaliera. Il bando Eacea finanzia l’ideazione e lo sviluppo di progetti di videogiochi realizzati da aziende che abbiano sede negli Stati membri dell’Ue; nei Paesi aderenti e Paesi candidati effettivi e potenziali che beneficiano di una strategia di preadesione; nei Paesi Efta membri del See; nella Confederazione svizzera, in forza di un accordo bilaterale da concludere con tale Paese; nei Paesi dello spazio europeo di vicinato, in base agli accordi quadro che prevedono la loro partecipazione ai programmi dell’Unione europea. Sono ammissibili a contributo solo le attività di sviluppo di progetti riguardanti videogiochi digitali “narrativi”, indipendentemente dalla piattaforma o dal metodo di distribuzione previsto. E’ importante, inoltre, che il videogioco sia destinato a fini commerciali. Il contributo è compreso tra i 10mila e i 50mila euro, sia per lo sviluppo dell’idea che per la realizzazione del progetto. Il finanziamento non potrà comunque superare il 50 per cento dei costi giudicati ammissibili. Le domande di partecipazione devono essere presentate entro le 12 (ora locale di Bruxelles) del 26 marzo 2015. La durata massima del progetto è di 30 mesi dalla data di presentazione.