Villa Dei Pini, corsa contro il tempo per evitare 22 licenziamenti

55

Assemblea indetta dalla Cisl Fp IrpiniaSannio con i lavoratori della Casa di Cura “Villa dei Pini. «Si è discusso – dichiara Mario Walter Musto, coordinatore della Cisl Fp IrpiniaSannio Sanità Privata – è stata la condivisione del percorso da mettere in campo dopo la comunicazione da parte della Casa di Cura di ben 22 licenziamenti tra medici, infermieri, amministrativi, animatori di comunità e la volontà di utilizzare ed impiegare da subito solo 102 posti letto rispetto agli attuali 150, “congelando” i restanti».
Nel corso dell’assemblea, sono stati esaminati diversi aspetti di quanto contenuto nel decreto che prevede per la Casa di Cura “Villa dei Pini” la riconversione a Struttura Intermedia Residenziale psichiatrica terapeutico-riabilitativa.
«Risulta davvero difficile, afferma il Segretario Generale, Antonio Santacroce – comprendere i motivi e le reali intenzioni del legislatore che lo ha partorito e riteniamo che dalla sua applicazione non potrà scaturire alcun concreto giovamento per l’utenza della nostra provincia e dell’intera regione. Grosse preoccupazioni sorgono sin dalle prime battute dell’applicazione della norma per l’utenza e per i lavoratori. Denunciamo – continua il Segretario Generale – tutta la nostra apprensione per i notevoli disagi e difficoltà circa l’accesso ad una appropriata ed adeguata prestazione che pazienti psichiatrici, con particolari patologie, subiranno inevitabilmente con il realizzarsi di un siffatto piano, dovuti alla contrazione e trasformazione dei posti letto dell’azienda».