Vinarius, in aumento vendite vini francesi nelle enoteche italiane

7

Roma, 25 giu. (Labitalia) – Che la Francia sia uno dei principali Paesi la cui cultura enologica ha avuto nel tempo una fondamentale influenza sulle altre nazioni dove viene prodotto il vino è cosa assai nota. La qualità del prodotto, dalla vigna alla cantina, e la spiccata capacità di comunicare tale qualità ai mercati, è sicuramente il segreto del successo della vitivinicoltura francese. Meno nota è la presenza e l’appeal che i vini francesi hanno all’interno delle enoteche nel nostro Paese ed è questo l’oggetto dell’indagine condotta da Vinarius, l’Associazione delle enoteche italiane. Riferimento per la diffusione della cultura del vino in Italia e all’estero, Vinarius ha infatti voluto indagare come vengono trattate le referenze dei nostri cugini d’oltralpe nelle nostre enoteche. A tal fine, è stato somministrato un questionario ai soci dell’Associazione.

I risultati raccontano innanzitutto che tutte le tipologie dei vini francesi sono proposte in egual misura in enoteca: rossi, bianchi, spumanti e vini da dessert. Leggermente meno presenti, invece, i vini rosati francesi che sono proposti in circa in una enoteca su tre. Il trend di vendita registrato nel 2018 è stato in generale positivo: circa il 48% delle enoteche che hanno partecipato all’indagine indica vendite in aumento, un 45% vendite invariate e solo un 7% registra vendite in calo.

Analizzando i trend di vendita che si sono registrati negli ultimi 3 anni per tipologia, i risultati indicano: per gli spumanti, il 70% delle enoteche ha registrato un aumento delle vendite e il 27% indica un trend in equilibrio stabile, mentre solo il 3% dei rispondenti indica un calo delle vendite; per i vini bianchi vendite in aumento per il 45% e stabili per il 55%, in questo caso non è stato indicato nessun segnale di calo; per i vini rossi, aumento per il 42% e stabili per il 58%, anche in questo caso non è stato indicato nessun segnale di calo; per i vini rosati vendite stabili per il 63%, in aumento per il 18% e in calo per il 17%: per i vini da dessert segnali di calo sono stati registrati dal 32% dei rispondenti, stabili per il 65% e in aumento per solo il 3%.

Per quanto riguarda, in particolare, lo champagne, interessante da notare la rispondenza sull’analisi della presenza nelle enoteche di Champagne prodotti da Recoldant Manupulant (RM): l’80% circa indica di averne in referenza in enoteca e solo il 20% si affida ancora solo a grandi maison. Sempre sullo champagne, la maggioranza dei clienti in enoteca richiede prodotti a base Pinot Noir (45%) o Chardonnay (41%). Meno richiesto è invece il Pinot Meunier (14%).

I vini bianchi maggiormente richiesti nelle enoteche risultano essere i bianchi Alsaziani e al secondo posto troviamo i bianchi della Borgogna. Testa a testa per il 3° posto tra i bianchi della Loira e di Bordeaux. Molto meno richiesti e quindi anche meno conosciuti, risultano essere i vini bianchi provenienti dalla Jura e da altre regioni francesi. Relativamente ai vini rossi, sul gradino più alto del podio troviamo i vini della Borgogna, subito dopo i vini rossi di Bordeaux, mentre al terzo posto i vini di Beaujolas e Cotes Du Rhone. Per quanto concerne il comparto dei distillati, nelle enoteche italiane la fanno da padrone il Cognac e Armagnac che risultano presenti in tutte le enoteche, il Calvados è segnalato presente nel 80% delle enoteche rispondenti e i distillati di frutta nel 48%.

L’indagine, che si inserisce nell’ambito della costante attività di studio e ricerca condotta da Vinarius in questi anni, rappresenta un’ulteriore conferma dell’importanza per l’Associazione di comprendere ed essere costantemente aggiornata sulle dinamiche di mercato e le preferenze dei consumatori. Questi aspetti, infatti, rappresentano un elemento fondamentale per creare una profonda conoscenza del comparto vino in Italia ma anche all’estero. A tal fine sono state avviate in questi mesi delle intense relazioni tra Vinarius, Aepi-Associazione enotecari professionisti italiani e altre associazioni di enotecari presenti in altri Paesi. In particolare, con il Syndicat des Cavistes Professionnels Scp, l’organizzazione francese degli enotecari professionisti, e con la Fci-Fédération des cavistes indépendants (Fci), la Federazione degli enotecari indipendenti – è in corso un proficuo rapporto di scambio e dialogo anche al fine di strutturare una possibile futura rappresentanza dei commercianti di vino a livello europeo.