Vincenzo Aucella confermato presidente dell’Assocoral

51
in foto Vincenzo Aucella

Vincenzo Aucella è stato rieletto alla presidenza dell’Assocoral per il triennio  2022-2025. Lo ha nominato all’unanimità il il nuovo Consiglio Direttivo riunitosi per la prima volta ieri. “Con questo atto formale – si legge in una nota – inizia ufficialmente il nuovo corso dell’associazione,  nel segno della continuità”.  Sono onorato di questa riconferma – dichiara Aucella -, l’accetto con un grande senso di responsabilità e  con una consapevolezza che gli accadimenti che hanno coinvolto il mondo intero negli  ultimi 2 anni avranno ancora ripercussioni sul nostro lavoro. La sfida, dunque, è ancora  più ardua rispetto alla mia nomina da Presidente del 2019. Ma al  tempo stesso, avere un Consiglio Direttivo compatto che ha rinnovato la propria  disponibilità a continuare per un altro triennio, mi fa comprendere come questo senso  di responsabilità sia diffuso anche tra i miei colleghi / amici che mi coadiuveranno fino  al 2025”.
Il presidente Aucella conferma anche i vicepresidenti, Ciro Condito e Tommaso  Mazza. Nel collegio dei sindaci, eletto presidente Brunella Mazza.
“L’associazione – prosegue la nota – ha dimostrato di essere sempre più un vero incubatore di idee, capace  dopo 45 anni di attività, di rappresentare l’unico sindacato che degnamente risponde  alle necessità degli artigiani e dei commercianti di corallo e di cammeo di Torre del  Greco“.  Gli obiettivi di questo prossimo triennio – spiega Aucella – saranno coerenti con  quanto fatto fino ad oggi, e si svilupperanno su diverse direttive: impegno su tutti i tavoli  nazionali ed internazionali in termini di sostenibilità, che richiede un confronto  costante tra istituzioni, parte scientifica e raccoglitori; sotto il profilo sindacale,  riperderemo i tavoli di confronto con i sindacati per il rinnovo del contratto di lavoro  Assocoral e stiamo lavorando su una nuova visione della figura dell’incisore che mira  a semplificare molti adempimenti burocratici ed al tempo stesso dare maggiore dignità  all’artista; promozione delle nostre eccellenze attraverso vari livelli di coinvolgimento  dei nostri associati; continuare a supportare chi fa formazione sul nostro territorio, e  mi riferisco all’Istituto Degni, e cercare di colmare quei gap dovuti all’ultima riforma  scolastica“.
E soprattutto sull’aspetto della promozione, c’è grande aspettativa di tutto il comparto sul marchio “Made in Torre del Greco”, che in poco meno di 2 mesi dal lancio, ha già  registrato interessanti segnali positivi sia dagli operatori del settore che da molte  istituzioni.  Il marchio ha già ricevuto il patrocinio dell’Ice Agenzia, che fin da subito ha creduto in  questo progetto di valorizzazione di quello che è un vero “Made in Italy”, e nel corso  del prossimo triennio insieme andremo a promuoverlo in giro per il mondo con iniziative  pensate e calibrate per il nostro comparto produttivo.