Vini italiani in Germania, accordo tra Camera di commercio italo-tedesca e Uiv

82

Con l’obiettivo di rafforzare la presenza e l’immagine delle produzioni vinicole italiane in Germania, l’Unione Italiana Vini (Uiv) e la Camera di Commercio italo-tedesca hanno concluso un accordo di collaborazione con cui i due enti si impegnano ad organizzare congiuntamente dei progetti di promozione e a dare reciproca visibilità attraverso i rispettivi canali di comunicazione. La firma dell’accordo da parte della presidente della Camera Annamaria Andretta e del segretario generale dell’Unione Italiana Vini, Paolo Castelletti, ha avuto luogo alla presenza del console generale Renato Cianfarani, in occasione della Fiera IMEI/Drinktec di Monaco di Baviera. Durante l’incontro sono stati affrontati i temi della promozione dei vini italiani in Germania che rappresenta uno dei principali mercati di esportazione per i produttori italiani con un valore di circa I 900 milioni di euro (anno 2016) del nostro vino importato. Nella classifica dei Paesi fornitori di vino della Germania, l’Italia detiene una quota di mercato considerevole con più di un terzo dei circa 2.5 miliardi totali e ponendosi al primo posto davanti alla Francia e Spagna. Negli ultimi anni il trend delle importazioni dall’Italia ha evidenziato un valore complessivo invariato con un leggero calo dei volumi (nel 2016 -3%) e che sembra essere strutturale ma denota dall’altro lato un aumento del prezzo medio di vendita al litro del vino italiano che trova quindi apprezzamento dal consumatore tedesco. La saturazione del mercato tedesco difficilmente consentirà un aumento delle importazioni di vino, che negli ultimi anni si attestano sempre sullo stesso valore di circa 2,5 miliardi di euro. Sarà quindi importante sviluppare delle strategie di supporto della presenza dei vini italiani che ne valorizzino ulteriormente le caratteristiche distintive rispetto alla concorrenza con azioni di promozione in collaborazione stretta da un lato con i distributori tedeschi e dall’altro con i produttori che già sono presenti su questo mercato.