Vino: 3 nuove città nella Urban vineyards association

16

Torino, 21 ott. (Labitalia) – Insieme a Vigna della Regina (Torino), Clos Montmartre (Parigi), Senarum Vinea (Siena) e Laguna nel bicchiere (Venezia), entrano nella rete tre nuovi vigneti urbani ad alto valore storico e culturale: Milano e la Vigna di Leonardo, Palermo con i vigneti autoctoni di Vigna del Gallo, e filari di San Francesco della Vigna sulla laguna veneziana. A decretarlo il primo convegno della Urban Vineyards Association che si è svolto nei giorni scorsi a Torino. Fondata con l’intento di tutelare il patrimonio storico e culturale che le vigne urbane rappresentano, a sei mesi dalla nascita la Uva raddoppia i propri soci, riunendo a oggi sette vigne di sei città differenti, con l’intento di coinvolgere anche gli altri vignerons urbani europei.

Al convegno, organizzato all’interno di Grapes in Town – Vendemmia a Torino in collaborazione con la Regione Piemonte e la Città Metropolitana di Torino, erano infatti presenti anche le vigne urbane di Berlino e Lione, arrivate nel capoluogo sabaudo per conoscere da vicino la Rete, ponendo le basi per una futura collaborazione. I prossimi passi sono ben chiari. L’Associazione vuole portare avanti la realizzazione di un circuito delle vigne urbane: un percorso internazionale rivolto al turismo culturale di qualità che colleghi i vigneti cittadini d’Europa, unendo i filari del Nord Europa con quelli siciliani e mediterranei. In quest’ottica, al convegno sono stati coinvolti anche alcuni professionisti del settore turistico con cui l’Associazione si è confrontata in materia, per approfondire le ultime frontiere dell’enoturismo e della promozione territoriale.

La Urban Vineyards Association, nata a Torino lo scorso 30 maggio, riunisce i vigneti storici all’interno delle grandi città europee che ancora oggi producono vini da preservare, amare e degustare. “Avere tra noi tre soci di calibro internazionale è un traguardo molto importante per tutta l’associazione. Presto coinvolgeremo anche le altre vigne cittadine d’Italia e d’Europa che, come noi, si prendono cura di questo straordinario patrimonio storico, enoico e culturale, per stimolare e far scoprire ai visitatori le nostre magnifiche città da un’altra prospettiva, originale e affascinante”, ha commentato il presidente Luca Balbiano.