Vino: Alta Scuola ‘Veronelli’ presenta docenti corso ‘Camminare le vigne’

27

Roma, 18 dic. (Labitalia) – Per ‘Camminare le vigne: luoghi, persone e cultura del vino italiano’, corso di perfezionamento rivolto a professionisti e futuri operatori, l’Alta Scuola italiana di gastronomia Luigi Veronelli ha selezionato docenti dalle migliori università ed esperti di riconosciuta autorevolezza. Sostenuti dal comitato scientifico presieduto da Alberto Capatti, accompagneranno con ‘sensibilità veronelliana’ i corsisti nelle 180 ore di lezioni e visite dedicate al vino come elemento del paesaggio culturale. Per promuovere nel mondo il multiforme patrimonio dei vini d’Italia, con interlocutori delle più diverse abitudini e competenze, è fondamentale, infatti, saper comunicare il legame profondo tra le nostre produzioni vitivinicole e le eccellenze artistiche, le eredità storiche e i sistemi sociali di relazione, componenti imprescindibili dei territori.

Questa è la sfida raccolta dal primo corso di alta formazione che si terrà a Venezia, presso l’Isola di San Giorgio Maggiore, da sabato 25 maggio a domenica 27 ottobre 2019, secondo un calendario progettato per essere compatibile tanto con le esigenze dei professionisti della filiera vitivinicola, della ristorazione e della comunicazione gastronomica, quanto con le necessità degli studenti universitari iscritti a corsi di laurea attinenti. L’Alta Scuola italiana di gastronomia Luigi Veronelli – nata dalla collaborazione tra Seminario Veronelli e Fondazione Giorgio Cini, con il sostegno di Banca Generali Private – ha istituito una faculty che riunisce i docenti delle sei aree tematiche in cui si articola il piano di studi: comprendere il territorio, vigne e vini d’Italia, cultura gastronomica, cucina italiana, comunicare la qualità e, infine, sensorialità e valutazione.

Tra i docenti del corso di alta formazione figurano: Alberto Capatti, storico della cucina e della gastronomia, presidente del comitato scientifico; Aldo Colonetti, filosofo, storico dell’arte, del design e dell’architettura, già direttore scientifico dell’Istituto europeo di design; Renata Codello, direttore degli affari istituzionali della Fondazione Giorgio Cini, già dirigente ministero Beni culturali, soprintendente ai Beni architettonici e paesaggistici di Venezia e laguna e soprintendente per le Belle arti e il paesaggio di Roma; Alfonso Iaccarino, pluripremiato chef patron del ristorante ‘Don Alfonso 1890’; Ilaria Bussoni, filosofa, editor presso la casa editrice DeriveApprodi e curatrice indipendente di progetti espositivi per la Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma.

E ancora: Pierluigi Basso Fossali, professore presso l’Université Lumière Lyon 2 e presidente dell’Association Française de Sémiotique; Alberto Grandi, professore di storia dell’alimentazione all’Università di Parma; Annalisa Metta, architetto e ricercatore in architettura del paesaggio per l’Università Roma Tre; Armando Castagno, critico, relatore e direttore di corsi dell’Associazione italiana sommelier, professore all’Università di Scienze gastronomiche di Pollenzo; Fabio Rizzari, giornalista esperto di degustazione e critico enologico; Federico Staderini, enologo; Franco Martinetti, vinicultore e presidente onorario dell’Académie Internationale du Vin; Leonardo Valenti, ricercatore e docente presso il Dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’Università degli studi di Milano; Massimo Bertamini, coordinatore del Corso di laurea in viticoltura ed enologia dell’Università di Trento; Gabriele Valentini, ricercatore presso il Centro di ricerche viticole ed enologiche dell’Università degli studi di Bologna; lo storico dell’arte e artista padano Diego Rosa; Alberto Natale, coordinatore del Centro studi Piero Camporesi e docente di Cibo e comunicazione all’Università di Parma.

Compongono la faculty, inoltre: la formatrice e panel leader del Centro studi assaggiatori, Annalisa Renzi; il wine designer Giacomo Bersanetti; il giornalista e docente di comunicazione gastronomica Walter Filiputti; il caporedattore del Corriere della Sera e critico enologico Luciano Ferraro; il giornalista, scrittore e critico gastronomico Luciano Pignataro; il wine educator, wine consultant e sommelier Enrico Donati e il responsabile formazione di Vinidea Giuliano Boni. Con loro saranno, inoltre, i curatori della Guida Oro I Vini di Veronelli Gigi Brozzoni, Marco Magnoli e Alessandra Piubello, oltre ad Andrea Alpi, Simonetta Lorigliola e Andrea Bonini, rispettivamente responsabile didattico, responsabile delle attività culturali e coordinatore dell’Alta Scuola italiana di gastronomia Luigi Veronelli.

Il programma di ‘Camminare le vigne: luoghi, persone e cultura del vino italiano’ si compone di quattro moduli ordinari di un fine settimana ciascuno e di un modulo intensivo residenziale di un’intera settimana durante i quali alle lezioni si alterneranno introduzioni d’autore, focus sensoriali e degustazioni presso la Sala delle Capriate di Fondazione Giorgio Cini sull’Isola di San Giorgio Maggiore, a Venezia. Tre i momenti esperienziali previsti, con viaggi studio nel Nord, nel Centro e nel Sud Italia, per incontrare e conoscere territori, aziende vitivinicole, artigiani e ristoratori. Sarà attivato, inoltre, un servizio di formazione a distanza per perfezionare quanto appreso in aula e, a conclusione del percorso, si terranno momenti di valutazione delle competenze acquisite. I corsisti, infine, avranno a disposizione Sensorium, banco d’assaggio composto da una selezione di vini italiani d’eccellenza attorno al quale si svilupperà una ricca programmazione di incontri e degustazioni.