Violenza di genere, voucher da 600 euro ai figli delle vittime di femminicidio in Campania

122

Un voucher regionale da 600 euro mensili a beneficio degli orfani di vittima di femminicidio da corrispondere fino al compimento del 24/mo anno di età. Un ulteriore sostegno – frutto dell’emendamento approvato dal Consiglio regionale della Campania in occasione dell’ultima legge di Bilancio – va a consolidare gli aiuti in materia di contrasto alla violenza di genere previsti dalla legge 34. Fondi nazionali e regionali per circa 5 milioni di euro per il 2023. Fondi in più rispetto a quelli previsti dal precedente bando biennale a tutela delle donne vittima di violenza e che andranno gestiti con rigore evitando di prendere in carico qualche richiesta di rimborso bizzarra registrata in passato. In questo senso l’appello della Presidente della commissione regionale Politiche Sociali, Bruna Fiola, che ha richiamato a una maggiore attenzione i centri anti violenza e gli ambiti territoriali imputati di aver valutato con leggerezza in passato alcune domande poi rigettate a fine iter dalla Regione: “Ne ricordo due – dice la consigliera richiamando a un maggior rigore – la richiesta di rimborso per un completino intimo leopardato e quella per un telefonino da 2.000 euro. Ma come si fa? Richieste così non devono neanche essere prese in considerazione. Per fortuna – sottolinea – sono casi isolati sulle oltre 400 domande di contributo pervenute e che sono state accolte a beneficio di donne che avevano perso tutto e che grazie alla legge hanno avuto una chance per ricominciare. Ma serve più attenzione”.