Voli pindarici tra Flamenco e HipHop, tour campano per NonSoloDanza

94
 

Il 20 giugno è la terza tappa della tournée regionale del 2017 dell’ensemble di Rossana Esposito NonSoloDanza, con un repertorio eterogeneo per un corpo di ballo di giovanissimi talenti versatili. le prerogative salienti dei gruppi e dei lavori della coreografa Rossana Esposito, ormai da quarantadue anni sulla cresta dell’onda teatrale e televisiva della danza. Ed il 20 giugno al Magic Vision di Casalnuovo si chiude il cerchio dopo le altre due parentesi di “Split” e “Matralia” in prima assoluta per NonSoloDanza. Abbiamo incontrato la coreografa e direttrice artistica della compagine Rossana Esposito per raccontarci l’ultima fatica di giugno: “Nel primo atto abbiamo la rappresentazione del balletto di repertorio classico “Sylvia” con protagoniste Sharon Palma ed Ilaria Improta che si divideranno il ruolo rispettivamente nel primo e secondo atto e nel terzo atto. Nel secondo atto abbiamo tre momenti con altrettanti coreografi: il flamenco con le coreografie di Emma Gallo, la Video Dance con le coreografie di Enzo Padulano, con protagonista in scena Davide Gallo, ed infine l’ Hip Hop Contemporary con le coreografie di Ilaria Di Iorio. Il terzo tempo sarà invece un medley dei film musicali più famosi che abbiamo chiamato “Dancing in the movies” dove vedremo la rappresentazione dei momenti più significativi dei maggiori musical con le mie coreografie. Qui mi sono sbizzarrita a fare un viaggio a ritroso nel repertorio dei musical a me tanto cari, rimettendomi in gioco con i miei ballerini per ascoltarli e vederli ballare come sanno fare”. 

Repertorio a tutto tondo, dunque, come ha sempre preferito Rossana Esposito nel suo lungo, lunghissimo corso. Il fiore all’occhiello della nostra produzione di quest’ultima stagione in via di chiusura – ammette orgogliosa la direttrice artistica – è stato senz’altro lo spettacolo “Split”, rappresentato il 18 marzo scorso al Teatro Spazio  di Caserta con le coreografie di Ilaria di Iorio che ha scelto come danzatori tre ballerini del nostro ensemble NonSoloDanza, di certo tra i migliori della compagine, ovvero Giuliano Punzo, Valentina Ceriello ed Imma Noemi Sacco. Lo spettacolo verteva sulla rappresentazione della coesistenza del lato maschile e femminile in ognuno di noi con un’audace e bravissima Ilaria Di Iorio capace di ottimizzare le risorse a disposizione su temi e contenuti particolarmente difficili. 

Successi a ripetizione che evidentemente convincono il pubblico e la critica del durissimo lavoro delle sale di San Giorgio a Cremano, ovvero la sede dell’ensemble. ma Rossana Esposito non si è mai fermata al lavoro alla sbarra, tutt’altro. Del resto i migliori ballerini usciti dalla sua fucina si sono insinuati in compagnie e produzioni di ogni genere, attirando a sé l’attenzione finanche della televisione pubblica. “L’ ultimo progetto in collaborazione con la FNASD (Federazione Nazionale Associazione Scuole di Danza, ndr) – chiude la direttrice artistica – ci ha consentito di rappresentato lo spettacolo “Matralia” con protagoniste alcune ballerine del nostro ensemble NonSoloDanza. Lo spettacolo è stato seguito da un numeroso pubblico e da una selezione significativa della critica regionale. Durante il progetto è stato inoltre eseguito un servizio della Rai per questo spettacolo all’interno del programma “Spazio Libero” di RAI3, girato all’interno del Museo provinciale di Capua “Le Madri” andato in onda il 10 Maggio scorso. Il servizio della Rai ha visto come protagoniste le soliste di Non solo danza, ovvero le quattro madri principali che rappresentavano i quattro elementi della vita: Aria, Acqua, Terra, Fuoco. Una soddisfazione incredibile per quarantadue anni di esperienza sui palcoscenici dei teatri e delle emittenti televisive con un repertorio che si arricchisce sempre di più”. Non ci devono meravigliare, dunque, i salti pindarici dal flamenco alla “Sylvia” di Louis Merante e Leo Delibes alle coreografie contemporary di Ilaria Di Iorio per il conseguimento di un repertorio sempre più versatile e rispondente al cambi di passo registrato dalla danza in Italia. Non solo danza, dunque, di nome e di fatto.