Volontari al lavoro nel lido catanese distrutto dalle fiamme: “Danni per un milione”

9

Catania, 2 ago. (Adnkronos) – (dall’inviata Elvira Terranova) – Francesca Raciti si aggira a passo lento tra le macerie. “Vede? Qui dove siamo adesso c’era un gazebo in legno enorme. Ora non c’è più nulla. Solo qualche pezzo di legno annerito dal fumo. E lì c’era il bar. Niente, non è rimasto nulla”. La titolare del Lido Le Capannine di Catania, lo stabilimento balneare andato totalmente distrutto sabato sera nell’incendio che ha devastato molte zone nella città, non piange. “Ho finito le lacrime – dice in una intervista all’Adnkronos – Mi sento senza forze, ma non posso mollare”. Anche perché questa mattina si sono presentati sul posto decine di persone, tutti volontari, che hanno chiesto di poter dare una mano. “Sono clienti del lido, ex lavoratori, bagnanti – spiega emozionata – ho la pelle d’oca solo a vederli. E’ bello che in un momento così difficile per me siano venuti”. Qualcuni ha lasciato i figli a pochi metri di distanza a fare il bagno. “E loro sono venuti a togliere detriti e macerie – dice Raciti – Fa male vedere andare in fumo un’attività come il Lido Le Capannine, punto di riferimento per tanti catanesi da tanti anni”.