Voucher certificazione volontaria, la Camera di Commercio di Napoli presenta il bando

79
in foto Vincenzo Napolitano, vicepresidente Ambiente ed Energia dell'Unione industriali

Nel corso di un seminario a Palazzo Partanna, sede dell’Unione industriali di Napoli, la Camera di commercio partenopea ha illustrato stamane il bando per l’erogazione di voucher per spee di adozione o implementazione di sistemi di certificazione volontaria nelle micro-piccole-medie di Napoli e provincia, in materia di Qualità, Sicurezza delle informazioni, Sicurezza alimentare, Agroalimentare, Etica, Anticorruzione, Energia. “Il bando – dice Luigi Russo, dirigente S.I. Impresa della Camera di Commercio di Napoli – verte a dare un supporto a quelle che sono soprattutto le attivita’ produttive, per migliorare la competitivita’ sui mercati, interni ed esteri. E’ rivolto a tutte quelle aziende che hanno necessita’ di avere certificazioni volontarie per migliorare la propria efficienza, e ci si puo’ candidare per ottenere dei voucher fino al 50% delle spese eleggibili. Il plafond che la Camera di commercio mette a disposizione per gli imprenditori di Napoli e provincia e’ di 1,5 milioni di euro. Per candidarsi c’e’ tempo fino al 9 novembre.
“Come Unione industriali – afferma invece Vincenzo Napolitano, vicepresidente Ambiente ed Energia dell’Unione industriali – abbiamo messo a disposizione strutture e know-how per creare un’opportunita’ per le piccole-medie e micro-imprese, sulla necessità e l’opportunità di adottare un sistema di certificazione, inteso come avvio di un processo che crea una discontinuita’ nel modo di operare, nel senso che l’azienda che adotta un sistema di certificazione e’ un’azienda che imparerà, in un sistema di regole ben definite, a programmare e attuare ma soprattutto a controllare e monitorare le azioni messe in campo, in una ottica di efficienza”.