Weinstein libero su cauzione

9

New York, 9 lug. (AdnKronos) – L’ex produttore cinematografico di Hollywood, Harvey Weinstein non sarà posto agli arresti domiciliari in merito alle nuove da parte di una terza donna. Lo ha deciso il tribunale di New York davanti al quale Weinstein, ammanettato e in abito nero, si è dichiarato non colpevole.

Il procuratore Joan Illuzzi aveva sostenuto che le condizioni per la libertà su cauzione dovevano essere rese più severe in linea con le nuove accuse e Weinstein doveva essere posto ai domiciliari, ma il giudice James Burke non è stato d’accordo.

Il magnate di 66 anni, continuerà così a indossare un dispositivo di localizzazione e avrà il permesso di spostarsi attraverso gli stati di New York o del vicino Connecticut, dove vive.

L’avvocato di Weinstein, Benjamin Brafman, ha dichiarato che il suo cliente ha collaborato con le autorità e ha rispettato tutte le condizioni stabilite dal tribunale. “Gli unici posti in cui va sono il mio ufficio, un ufficio a Manhattan dove sta ancora cercando di guadagnarsi da vivere e gli appuntamenti dal dottore in Connecticut”, ha detto Brafman.

Weinstein si è consegnato alle autorità di New York alla fine di maggio ed è stato rilasciato dietro a una cauzione da un milione di dollari fino al suo processo, per il quale non è stata ancora fissata una data. Accusato da diverse donne di abusi, l’ex re dei produttori di Hollywood sarà processato per stupro, atti criminali di natura sessuale, abuso sessuale, condotta sessuale inappropriata in relazione ad incidenti che coinvolgono due donne diverse. E’ sotto inchiesta anche per presunti crimini sessuali a Los Angeles e Londra.