West Nile, in Italia casi aumentati del 53% in 7 giorni. E i morti salgono a 11

74

Sale l’allerta per le infezioni da virus West Nile in Italia. I casi sono infatti aumentati del 53% in sette giorni, toccando quota 144, ed anche il bilancio dei morti si fa piu’ pesante, con 11 decessi da giugno, di cui l’ultimo oggi. Una patologia, che si sta diffondendo soprattutto nel nord Italia, che il ministero della Salute monitora attentamente ma che, avvertono comunque gli infettivologi, raramente porta a conseguenze gravi. Secondo i dati della Sorveglianza su West Nile e Usutu virus, realizzata dall’Istituto Superiore di Sanita’, dall’inizio di giugno fino allo scorso 9 agosto sono stati segnalati 144 contagi, 50 in piu’ rispetto a 7 giorni fa con un aumento del 53%. Quattro i morti nell’ultima settimana, che portano il bilancio dall’inizio della stagione a 11 decessi: 6 in Veneto, 2 in Piemonte, 2 in Lombardia e 1 in Emilia-Romagna. L’ultimo decesso si e’ verificato oggi. Si tratta di un uomo bresciano. Era uno dei due pazienti piu’ gravi dei quattro casi bresciani ed era ricoverato in ospedale. Tra i 144 casi di infezioni da West Nile virus nell’uomo, 87 hanno manifestato sintomi neuro-invasivi, 33 febbre, 23 casi sono stati identificati in donatori di sangue. La sorveglianza ha inoltre confermato la presenza del virus negli animali: sono risultati positivi al virus 121 pool di zanzare catturati in Friuli Venezia Giulia, Veneto, Piemonte Emilia Romagna e Lombardia. Identificati anche 41 uccelli positivi e 6 focolai tra equidi. Non e’ stata invece rilevata alcuna positivita’ per West Nile nelle aziende avicole. Sono stati inoltre identificati in Friuli-Venezia Giulia i primi due casi italiani di infezione umana da virus Usutu, un arbovirus simile al West Nile virus. I due pazienti sono asintomatici. Dall’inizio della sorveglianza, a inizio giugno, il virus Usutu e’ stato identificato anche in 58 pool di zanzare e 7 uccelli in Emilia Romagna, Lombardia, Marche, Friuli Venezia Giulia, Umbria, Toscana, Lazio e Veneto. E’ stata invece smentita la notizia di 4 contagi da virus Usutu nel frusinate. La diffusione del virus e’ monitorata dal ministero della Salute, che ha appena emanato una nuova circolare per la ‘Prevenzione, sorveglianza ed interventi in risposta alla circolazione dei virus della West Nile disease e dell’Usutu’. Si invita a mettere in atto, si legge, “tutte le misure utili a limitare il rischio di ogni ulteriore trasmissione all’uomo e agli animali”, a partire dal “segnalare tempestivamente tutti i casi probabili e confermati di malattia neuro-invasiva umana”. Raccomandato anche il ricorso al vaccino anti West Nile per i cavalli – che possono trasmettere il virus – che nella stagione estivo-autunnale vengono movimentati in aree in cui e’ in atto la circolazione virale (es. partecipazione a manifestazioni e competizioni sportive in aree infette). Invita a fare attenzione ma evitando allarmismi l’infettivologo Roberto Cauda, dell’Universita’ Cattolica di Roma. L’aumento dei casi, afferma “spinge a mantenere serrato il monitoraggio ed il riconoscimento precoce delle nuove infezioni e, soprattutto, indica la necessita’ di attuare al piu’ presto opere di bonifica sul territorio. Tuttavia, bisogna chiarire che non stiamo parlando di una malattia grave come Covid-19. In questo caso, la prima precazione e’ proteggersi dalle zanzare, che sono i vettori portatori del virus”. Questa infezione, sottolinea, “e’ nella maggioranza dei casi benigna e asintomatica. Solo raramente, in circa lo 0,1% dei casi, presenta forme gravi, soprattutto se ci sono patologie pre-esistenti”. I portatori del virus, ricorda, “sono le zanzare ma anche gli uccelli selvatici e gli equidi; l’uomo e’ contagiato ma la malattia non si tramette da persona a persona”.