XFactor, Virginia Veronesi: un minuto per cambiarti la vita

75

XFactor 8 partirà a settembre con una certezza e un primo verdetto: la prima grande sorpresa l’ha

XFactor 8 partirà a settembre con una certezza e un primo verdetto: la prima grande sorpresa l’ha regalata Virginia Veronesi, cantante lodigiana, con lo spot di lancio, che molti, visto il successo accreditano come vincitrice della prossima edizione, senza avervi neanche preso parte.

Un spot, realizzato da Andrea Linke alla regia e Gaetano Cappa per l’arrangiamento del brano, che ormai lanciato in tv da diverse settimane vede la testimonial esibirsi in una versione rivisitata di Try di Pink. L’abbiamo raggiunta per sentire le sue impressioni e conoscerla meglio. Virginia, uno spot che ha, come si dice, bucato lo schermo. Ma facciamo un passo indietro, come nasce la tua passione per la musica e l’opportunità di fare lo spot per XFactor ? In un modo molto naturale e spontaneo. Mia madre ha sempre avuto una forte passione per il canto trasmessa fin da bambina. Primo concerto in chiesa a 5 anni, poi tanto studio, con un anno di pausa, fino a  quando mi sono iscritta all’Accademia MTS a Milano, che ho concluso,  dove nei mesi scorsi mi hanno suggerito il casting per il promo. Due selezioni e poi la sorpresa finale che sto ancora vivendo. Molti si e ti chiedono, perché non hai provato direttamente per la gara ? Ci riproverai in futuro ? Pur essendo stata un po’ scettica inizialmente, ritengo il format un buon mezzo per mostrare le proprie doti. Se ci sarà occasione ben venga, se no non esiste solo quella strada. Questa dello spot è stata un’opportunità. Ora mi concentrerò per organizzare un piccolo “tour” di serata per l’Italia. Mi piacerebbe molto venire a Napoli ad esibirmi, anche con i musical, altra mia passione. Tra i vari a cui ho preso parte, sono molto affezionata a Mamma Mia ed Anastasia. Per conoscerti meglio: artista e canzone, italiana e straniera, recente o passata, della tua vita. Senza dubbio, Elisa, Mia Martini e Joni Mitchell. Per la canzone, ora non potrei non dire Try. Mi ha cambiato la vita.     di Alessandro Milone