Zaha Hadid, per lei fiori al Maxxi

34

(ANSA) – ROMA, 31 MAR – La sua immagine insieme alle date della nascita e della morte proiettate sul un grande schermo nell’atrio del museo. E un mazzo di fiori viola e bianchi che qualcuno, in serata, ha voluto lasciare per lei, regina indiscussa dell’architettura. A Roma il Maxxi è in lutto per la scomparsa improvvisa di Zaha Hadid, “donna creativa e innovativa, che ci ha regalato le straordinarie architetture del ‘nostro’ museo”, come commenta affranta la presidente Giovanna Melandri. “Ci mancheranno molto il suo estro e il suo genio”, dice la presidente, mentre il direttore artistico Hou Hanru definisce il progetto del museo romano “un contributo alla cultura” e la direttrice architettura Margherita Guccione la definisce un genio “che ha anticipato con la sua capacità di guardare avanti le forme e le dinamiche della creatività contemporanea”.
   

(ANSA) – ROMA, 31 MAR – La sua immagine insieme alle date della nascita e della morte proiettate sul un grande schermo nell’atrio del museo. E un mazzo di fiori viola e bianchi che qualcuno, in serata, ha voluto lasciare per lei, regina indiscussa dell’architettura. A Roma il Maxxi è in lutto per la scomparsa improvvisa di Zaha Hadid, “donna creativa e innovativa, che ci ha regalato le straordinarie architetture del ‘nostro’ museo”, come commenta affranta la presidente Giovanna Melandri. “Ci mancheranno molto il suo estro e il suo genio”, dice la presidente, mentre il direttore artistico Hou Hanru definisce il progetto del museo romano “un contributo alla cultura” e la direttrice architettura Margherita Guccione la definisce un genio “che ha anticipato con la sua capacità di guardare avanti le forme e le dinamiche della creatività contemporanea”.