Zes, gli industriali: Grande risultato. Sarà motore per la nostra economia

30

“Siamo lieti che il Governo nazionale lo scorso 9 giugno abbia approvato l’istituzione delle Zone Economiche Speciali, un provvedimento di straordinaria importanza per la nostra economia”: lo dichiara il presidente di Confindustria Campania, Costanzo Jannotti Pecci all’indomani dell’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto “Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno”. Il decreto, proposto dallo stesso premier, Paolo Gentiloni, e dal ministro per la coesione territoriale e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti mira a incentivare, anche con l’implementazione di risorse aggiuntive, la nuova imprenditorialità. Prevede infatti l’istituzione di una specifica disciplina per la regolamentazione delle zone economiche speciali (ZES), con particolare riferimento alle aree portuali, nonché una serie di misure di semplificazione e per la velocizzazione degli investimenti, pubblici e privati, nel Mezzogiorno. “Il percorso, iniziato con la delibera con la quale la Giunta regionale già a dicembre scorso approvò il documento di proposta per l’istituzione della Zona Economica Speciale dei Porti e delle aree retroportuali di Napoli e Salerno e dell’area di Bagnoli – sottolinea Jannotti Pecci – è frutto del confronto svolto tra l’Assessore Lepore e il nostro sistema associativo regionale. Per primi, infatti, abbiamo sottolineato l’importanza strategica dell’istituzione di Zes e le ricadute che le stesse avrebbero portato sulle produzioni locali e sull’occupazione”. Per il leader degli Industriali campani “questo è il metodo più efficace per conseguire risultati di grande impatto prospettico sul territorio ed è la dimostrazione che quando con le Istituzioni, in primis con la Regione, si realizza concretamente un’attenta interlocuzione e un trasparente confronto si registrano risultati positivi per le imprese e per l’economia più in generale”.