Bahrein: nuove accuse a leader sciita

27

(ANSA-AP) – MANAMA, 24 GEN – Le autorità del Bahrein hanno formulato nuove accuse contro il leader dell’opposizione sciita Sheikh Ali Salman che, dal carcere dove è rinchiuso, avrebbe twittato sul suo account commenti sulla monarchia sunnita.
    L’agenzia di stampa ufficiale del Bahrein ha riferito che Ali Salman è stato deferito all’ufficio della Procura “a seguito di violazioni postate sul suo account Twitter”. Di quali violazioni si tratterebbe non è stato precisato. Salman è il segretario generale del movimento di opposizione sciita Al Wefaq e nel 2011 è stato una delle figure chiave delle rivolte scoppiate contro la monarchia sunnita di Manama sull’onda delle primavere arabe.
    Attualmente Salman è in prigione dopo che lo scorso giugno è stato condannato a quattro anni di carcere in quanto giudicato colpevole di insulti e incitamenti violenti contro il ministro dell’Interno.
   

(ANSA-AP) – MANAMA, 24 GEN – Le autorità del Bahrein hanno formulato nuove accuse contro il leader dell’opposizione sciita Sheikh Ali Salman che, dal carcere dove è rinchiuso, avrebbe twittato sul suo account commenti sulla monarchia sunnita.
    L’agenzia di stampa ufficiale del Bahrein ha riferito che Ali Salman è stato deferito all’ufficio della Procura “a seguito di violazioni postate sul suo account Twitter”. Di quali violazioni si tratterebbe non è stato precisato. Salman è il segretario generale del movimento di opposizione sciita Al Wefaq e nel 2011 è stato una delle figure chiave delle rivolte scoppiate contro la monarchia sunnita di Manama sull’onda delle primavere arabe.
    Attualmente Salman è in prigione dopo che lo scorso giugno è stato condannato a quattro anni di carcere in quanto giudicato colpevole di insulti e incitamenti violenti contro il ministro dell’Interno.