Home Autori Articoli di Diario Liberale di Roberto Tumbarello

Diario Liberale di Roberto Tumbarello

Diario Liberale di Roberto Tumbarello
191 ARTICOLI 0 Commenti
Roberto Tumbarello, giornalista professionista, laureato in Giurisprudenza, ha tre figli e sei nipoti. Medaglia “pro merito” del Consiglio d’Europa, di cui è stato portavoce in Italia per tanti anni, è esperto in Comunicazione e Diritti umani. È stato redattore e inviato speciale di diversi quotidiani e periodici a vasta tiratura. Ha chiuso la carriera come direttore del “Giornale di Napoli”. Tra le sue ultime pubblicazioni di successo: “Gesù era di destra o di sinistra?” (Sapere 2000, 2009), “Si salvi chi può” (Edizioni Radici, 2012), “O la borsa o la vita” (Armando, 2014), attualmente in libreria.

Come mai più poveri ci sono, più aumentano i miliardari?

Tutti si scandalizzano per il proliferare di poveri in Italia. Sono oltre cinque milioni. 1.2 di minori. Nessuno si stupisce che aumentino i miliardari, che non mettono mano alla tasca. Com’è possibile che in un paese così ricco, ci sia gente che non ha da mangiare, né indumenti per coprirsi e neppure un tetto, che non ha potuto studiare...

Senza rendersene conto alcuni senatori del M5S spianano la strada all’avversario

C’è già il PD a facilitare l’ascesa di chi vorrebbe governare da solo. Gli ha messo il M5S tra le braccia. Ed è pericoloso. Il paese può finire in miseria o in guerra. Molti non lo capiscono e si ostinano a tifare per il partito del cuore. Credono di vincere. Non gli importa del futuro. Ma lei, Cap. De...

Naufraghi in pieno oceano, ci divertiamo a bucare la scialuppa di salvataggio

Soltanto Il 44% degli italiani, sono affezionati all’Europa, sperano di rimanerci e vogliono l’euro. Gli altri si dividono equamente tra incoscienti, che vorrebbero uscirne, e indecisi. Gli inglesi, invece, pur avendo una moneta forte, sono pentiti della Brexit e vorrebbero rientrarci. Figuriamoci la Lira sfidare i mercati. Anche nel giugno del 1940 c’era una percentuale di esaltati che applaudiva...

Conviene studiare perché l’ignoranza è più colpevole della disonestà

È andata proprio come la racconta Salvini. Conte leggeva e Di Maio verbalizzava. Né l’uno né l’altro, però, capivano che il testo era diverso da quello convenuto. Anziché la descrizione, Tria aveva inserito articoli del codice. E chi li conosce? Seppure uno professore di diritto, l’altro stewart allo stadio San Paolo, non si resero conto, poveretti, che approvavano un...

Pazienza, non conoscere la storia. Ma neppure il catechismo?

Se avessero lasciato parlare Gesù a una dozzina di pescatori, senza prenderlo sul serio, oggi non saremmo cristiani. Non esisterebbero il Papa né il Vaticano e neppure un miliardo di fedeli. Un processo ingiusto e il martirio lo hanno reso immortale. Lo stesso esperimento, 2018 anni dopo, si sta tentando per rabbia a Riace. Si mette in croce un...

Da Capo Passero e Lilibeo ci illudiamo di vedere la Madonnina, invece è l’Africa

Ci pesa tanto essere terroni. Vorremmo dimenticarlo e, magari, considerarci padani. Oggi persino la Confindustria, seppure il presidente sia meridionale. Non ne abbiamo le qualità e neppure l’orgoglio. Crediamo che basti votare per la Lega, come fanno per integrarsi i nostri conterranei costretti a emigrare. Non sappiamo difendere la nostra identità, né cultura e tradizioni ereditate dagli antenati. Il...

Come mai la Lega cresce, mentre Di Maio perde sempre più consensi?

Eppure gli va riconosciuto il merito di avere interrotto un sistema iniquo. Avrebbe dovuto preoccuparsi in questi anni di creare una classe dirigente, che neppure la Lega ha. I ministri dell'Economia e degli Esteri glieli ha forniti il Capo dello Stato. In molti settori non hanno uomini di competenza, tanto che per il ministero dell'Ambiente sono ricorsi a un...

Qualcuno disse che governare gli italiani non è difficile, è inutile. C’è, però, chi si ostina

Non se la prenda con l’Europa. Ci sono già Trump e Putin a volerla distruggere. Non abbiamo i loro stessi interessi. Il problema sono gli italiani. Cialtroni, ignoranti, presuntuosi e corrotti. Non s’illuda del momentaneo successo. Nemici non sono gli avversari politici ormai inesistenti. Saranno proprio i fan a tradirla come è sempre accaduto in passato. Applaudono chiunque vada...

Pensiamo anche ai nostri figli, non solo a denaro, potere e visibilità

Anziché dedicarci con tanto impegno al latte già versato a Genova, è più opportuno individuare altri viadotti e ponti pericolanti altrove. Inutile scaricare le colpe tra destra e sinistra, ugualmente responsabili, avendo governato male entrambe. Proprio per questo oggi sono scomparse. La triste realtà è che l’Italia sta cadendo a pezzi. Il sisma è più tollerante degli uomini e...

Qual è l’orgoglio di infrangere la legge definendola sbagliata?

Siamo fieri di essere processati. Ciò che è giusto lo decidiamo noi. Come dire l’Ètat c’est moi, la frase che Luigi XIV, re di Francia, avrebbe pronunciato il 13 aprile 1655, quando instaurò la monarchia assoluta. Accentrò, così, i poteri dello Stato nella propria persona per diritto divino. Poco più di un secolo dopo, nel 1789, la Rivoluzione rese...
- Advertisement -

Guarda la newsletter di oggi


Guarda Confindustria News





Vai allo speciale



Infotraffico del 17 Novembre 2018












Almanacco della Campania 2018

Scarica pdf

 

Ultime Notizie