10.8 C
Napoli
domenica, Gennaio 29, 2023
Home Autori Articoli di Osservatorio Globale di Giancarlo Elia Valori

Osservatorio Globale di Giancarlo Elia Valori

563 ARTICOLI 0 Commenti
Giancarlo Elia Valori (Meolo, 27 gennaio 1940) è attualmente alla guida delle società International World Group (https://www.internationalworldgroup.it) e Global Strategic Business, della Delegazione italiana della Fondazione Abertis e di Huawei Technologies Italia. Inoltre riveste la carica di vicepresidente del prestigioso Isituto Weizmann di Parigi, ed è membro di Ayan-Holding, dell’Advisory Board School of Business Administration College of Management di Israele e dell’ Advisory Committee dell’historical-technical Journal “Conservation Science in Cultural Heritage”. Tra gli innumerevoli incarichi ricoperti, merita particolare attenzione perché non di dominio pubblico anche il diniego che il professor Giancarlo Elia Valori ha espresso alla proposta alla guida del Dicastero dell’Agricoltura offertagli dal Presidente Carlo Azeglio Ciampi e del Dicastero dei Lavori Pubblici dall’onorevole Massimo d’Alema. Valori è nominato dal Presidente Francesco Cossiga consigliere al Palazzo del Quirinale e negli anni 1986 – 2001 è alla guida di innumerevoli missioni di rilievo internazionale portando a conclusione questioni delicate e sino ad allora irrisolte. Elenchiamo esemplificando gli istituti universitari in cui ha docenza il Professor Giancarlo Elia Valori. Già docente in “Scienze della comunicazione nelle relazioni internazionali” presso la Facoltà di lettere e filosofia della Libera Università Maria SS. Assunta di Roma, attualmente esercita l’attività di “professore straordinario” di Economia e politica internazionale presso la Peking University, uno dei più antichi e prestigiosi atenei della Cina, dove vengono formati i futuri dirigenti. Presiede Cattedre in prestigiosi Atenei: la Yeshiva University di New York (Presidente della Cattedra della pace nel pensiero politico ebraico italiano presso la Facoltà di scienze politiche), Hebrew University di Gerusalemme (Presidente della Cattedra per gli studi sulla pace e la cooperazione internazionale), Peking University (Presidente della Cattedra della pace, della sicurezza e dello sviluppo internazionale presso la Facoltà di relazioni internazionali), nonché di Direttore del Comitato consultivo dell’Istituto per gli Studi Internazionali. Negli stessi atenei di Pechino e Gerusalemme, presiede inoltre, rispettivamente, il “Centro Euro-Cina”, un apprezzato organismo che contribuisce a sviluppare e rendere più fecondi gli interscambi fra paesi di culture diverse, mentre a Gerusalemme riveste la carica di Direttore di uno specifico corso di laurea, nella facoltà di Giurisprudenza, aperto sia a studenti ebrei che arabi. Tra i tantissimi riconoscimenti merita una menzione particolare il titolo di Honorable, conferitogli il 18 febbraio 2002 “per il suo impegno unico e preziosissimo e per le azioni intraprese in favore dell’Académie des Sciences dell’Institut de France”. A cui si aggiunse, successivamente, la nomina a “Presidente d’onore” della stessa Fondazione Internazionale. Il Professor Giancarlo Elia Valori “Honorable” è il primo e unico italiano a fregiarsi di un titolo che fu, più di tre secoli fa, del cardinale Giulio Mazzarino. Menzione a parte è riservato al titolo “Legion d’Onore” che l’allora presidente francese Francois Mitterand consegnò a Valori è un riconoscimento “guadagnato sul campo”: quando, nel 1988, riuscì a ottenere la liberazione di tre ebrei, sequestrati in Libano, tre anni prima, dal gruppo islamico battezzato “Organisation de la justice revolutionnaire”. Al Professor Valori venne chiesto da alcuni autorevoli amici, “per così dire internazionali”, di intercedere presso l’allora presidente nordcoreano – Kim Il Sung, conosciuto nel 1975 in Cina durante l’apertura dell’ufficio di corrispondenza Rai – allo scopo di ottenere la liberazione degli ostaggi. Il leader nordcoreano, a seguito dalla richiesta dell’amico Valori, chiese al governo iraniano di esercitare la propria influenza sui sequestratori e, il 5 maggio 1988, Jean Paul Kauffmann, giornalista della televisione francese, Marcel Fontane e Marcel Carton, operatori della stessa emittente, vennero finalmente rimessi in libertà. E solo dieci anni dopo, dallo scioglimento del segreto di stato, si venne a sapere che questo fu possibile grazie all’intervento di un autorevole cittadino italiano. E’ molto significativo ricordare un passo dell’intervento dell’allora ambasciatore di Francia a Roma che, nel consegnare a Valori le insegne di “Cavaliere della Legion d’Onore” per meriti speciali da parte del presidente Mitterand, così si espresse: “il professor Valori è un uomo che sa guardare al di là delle proprie frontiere per comprendere il mondo. Ma è anche un vero europeo che non dimentica quanto l’Europa sia il suo stesso Paese e come attraverso lo sviluppo di ciascuno possa essere costruito e fondarsi l’avvenire di tutti…” Molto stimato in Francia, a seguito del conferimento all’ambita decorazione di “Officier della Legion d’Onore”, Giancarlo Elia Valori è entrato a far parte di una elite ristrettissima di personalità particolarmente autorevoli oltralpe. Ma tanti altri sono i Paesi che hanno voluto annoverarlo fra i personaggi più stimati e ammirati, attribuendogli alti e significativi riconoscimenti. Tra cui il suo amatissimo Paese, dove ha ricevuto le massime onorificenze di Cavaliere di Gran Croce e di Cavaliere del Lavoro al Merito della Repubblica Italiana.

Le attività della Serbia nelle relazioni regionali interstatali

Per tutta una serie di circostanze sfavorevoli avutesi nell’ultimo lasso del sec. XX, la situazione della Serbia in campo internazionale e della diplomazia è un vero e proprio stallo. Se consideriamo l’enorme patrimonio accumulato da Belgrado negli anni di Tito e del post-Tito (1945-1980, 1980-1991) nell’ambito del mondo afro-asiatico, latino-americano, dei Paesi in Via di Sviluppo e nel Movimento dei...

Jugoslavia di ieri e Serbia di oggi: eredità e successioni nella storia di un tragico e sanguinoso esperimento

Il 28 giugno 1948 la «Rudé Právo» – organo centrale del Partito Comunista di Cecoslovacchia – pubblicò la risoluzione del Kominform che espelleva il Partito Comunista di Jugoslavia dal suo seno, accusando Tito di politica odiosa nei confronti dell’Unione Sovietica e di propaganda trotzkista e controrivoluzionaria. Ci dice un’attenta analisi della professoressa fiumana Carla Konta nel saggio La diplomazia pubblica...

I fatti sull’Olocausto ebraico in Ucraina

Quando il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Oleksandrovyč Zelens’ky, si è lamentato il 20 marzo 2022 che lo Stato di Israele non sostiene abbastanza l’Ucraina, ha dimenticato di ricordare ai concittadini che moltissimi ucraini si offrirono volontari per sterminare gli Ebrei: ricordiamo che uno dei luoghi più tristemente famosi è il massacro della gola di Babi Yar, dove circa 50mila Ebrei...

Studi su sfruttamento minerario lunare e Dna

L’estrazione dei minerali lunari sarà presto in procinto di essere avviata? La National Aeronautics and Space Administration progetta di costruire una base lunare. Cosa li rende così ansiosi verso tale nuovo traguardo? Rispetto al vasto universo, gli esseri umani sono indubbiamente meno che granelli di sabbia. Pur se l’esplorazione dello spazio è stata effettuata per più di mezzo secolo, i...

La virata verso la seconda guerra fredda

Politicamente, economicamente e militarmente, il continente europeo si è nuovamente diviso: la Russia a est, la NATO e l’UE a ovest, e i paesi intermedi – Ucraina, Bielorussia, Moldavia e gli Stati del Caucaso – sono diventati una zona di potenziale conflitto. Una guerra tra le grandi potenze in Europa – che sembrava essere rimasta sulle pagine dei libri...

Alle origini del conflitto russo-ucraino: 2010-2014

L’Ucraina, è stata governata dal 2010 al 2014 dal presidente Viktor Fёdorovič Janukovič e dai suoi sostenitori della regione di Donetsk nell’est del paese, ed egli ha manovrato tra l’UE e la Russia alla ricerca di vantaggi politici. Guidato da considerazioni di urgenza interna, Janukovič ha contribuito a creare speranza tra la popolazione per un accordo con l’UE, su...

L’Africa e il nuovo ordine mondiale fra Washington e Pechino

La strategia degli Stati Uniti d’America verso il Continente nero – annunciata dal Segretario di Stato statunitense, Antony Blinken durante la sua recente visita in Sudafrica non è una novità e l’approccio paternalistico verso l’Africa da parte degli Stati Uniti d’America, ripercorre i vecchi copioni. In pratica si tratta dell’utilizzo dell’Africa come una pedina nella competizione tra Washington e...

Considerazioni geopolitiche sul conflitto in Ucraina e l’imbelle Unione Europea

La crisi ucraina ha cambiato lo status quo ante post guerra fredda in Europa. La Russia, considerando il sostegno dei partner occidentali al cambio di regime a Kiev come un tradimento, ha difeso i suoi interessi vitali, mentre l’Occidente considera tutto ciò come una pura e semplice aggressione da parte di una superpotenza. La crisi ucraina ha aperto un periodo...

Interessante scoperta archeologica in Israele

Un antico scarabeo di tremila anni fa è stato scoperto a sorpresa durante una gita scolastica ad Azor, nei pressi di Tel Aviv, in Israele. La scena raffigurata sullo scarabeo rappresenta probabilmente il conferimento della legittimità a un sovrano locale. "Stavamo girovagando, quando ho visto qualcosa che sembrava un piccolo giocattolo per terra", ha raccontato Gilad Stern del Centro educativo...

Kissinger e la situazione attuale fra lo sviluppo dell’intelligenza artificiale e la crisi ucraina

Recentemente Kissinger ha pubblicato alcune riflessioni sull’andamento della politica mondiale degli ultimi decenni, con riferimenti al ritorno delle contrapposizioni del secolo breve riportate alla luce dagli sviluppi di armamenti nuovi e strategici di scenario mediate dall’intelligenza artificiale. Ma non solo, Kissinger si è pure riferito alla situazione in Ucraina e agli equilibri fra Washington, Mosca e Pechino. Afferma Kissinger che...
- Advertisement -






Ricevi notizie ogni giorno


Confindustria News