Un Napoli sempre più maturo vola verso l’ultimo impegno dell’anno

48
in foto Hirving Lozano

Manca decisamente poco all’ultimo impegno del Napoli in questo 2022, che tante emozioni ha saputo regalare a tutti i tifosi azzurri. Dalla grande depressione generale per i saluti ai troppi veterani (dopo un’altra stagione amara), all’entusiasmo per il ritrovato gioco offensivo ed energico messo in campo dai nuovi volti della squadra. Un anno di transizione (tanto rapida quanto spettacolare) che rimarrà per sempre impresso nella storia azzurra, e che giunge finalmente al termine per l’inizio della Coppa del Mondo: l’impegno con l’Udinese vedrà infatti il Maradona salutare la squadra, che potrà riabbracciare solo il 13 gennaio, sempre contro una formazione bianconera. La squadra di Andrea Sottil si presenta al tempio di Fuorigrotta con una striscia di risultati in contrasto rispetto al magnifico inizio di stagione: quattro pareggi ed una sconfitta nelle ultime cinque gare, arrivati peraltro dopo gli ottimi risultati conseguiti contro Inter, Atalanta e Lazio. Risultati non brillanti, che non mettono tuttavia in discussione la forza dell’avversario. Anche nelle giornate storte i bianconeri hanno infatti mostrato il solito vigore, che non verrà di certo meno in un incontro così importante per la squadra. Spalletti lo sa, e sa anche che un altro successo sarebbe il miglior saluto al pubblico di casa, che fin da subito ha fatto sentire la sua vicinanza ai nuovi ragazzi, nonostante le tante perplessità e proteste avvenute in estate.