Home Autori Articoli di Sette Giorni di Antonio Arricale

Sette Giorni di Antonio Arricale

Sette Giorni di Antonio Arricale
109 ARTICOLI 0 Commenti

A rischio povertà un italiano su tre

La disoccupazione diminuisce di 0,4 punti percentuali e l’occupazione incrementa di 79 mila unità (+0,3%) che, però, su base annua, diventano 303 mila (+1,3%). I dati comunicati dall’Istat si riferiscono al terzo trimestre di quest’anno, quello estivo. Ci sarebbe da rallegrarsi, ma il dato è più complesso di quanto appare. Intanto, perché, nello stesso periodo, gli occupati a tempo determinato...

Politica, famiglie e imprese tra tasse e fake news

Tasse, sempre tasse, solo tasse. Hai voglia a dire, come puntualmente fanno i politici in vista delle elezioni: le abbiamo abbassate, le abbasseremo. Tutte fake news. Altro che le accuse di complotto che si sono scambiate, con riguardo alla manipolazione delle notizie, Pd e M5S sulla scorta di un articolo spacciato per inchiesta del New York Times, come sottolinea...

Università allo sfascio: non ci sono i soldi per le borse di studio

Altro che agenzia del farmaco, tasse, pil, manovra finanziaria, solite bacchettate dall’Ue eccetera – insomma, i soliti temi rimbalzati in settimana sui media – ma lo stato di salute economica del Belpaese si evince, questa volta, da due argomenti solo apparentemente di secondaria importanza: università e lavoro. La prima, beninteso, nell’accezione più estesa di formazione scolastica (che, com’è noto,...

Fantacalcio e fantapolitica, caro ci costa l’addio a Russia 2018

Si parla di ripescaggio, non solo per la nazionale italiana di calcio, esclusa con scorno dai mondiali di Russia 2018, ma anche in politica, dove il Pd, in parte erede del vecchio Pci (l’altra è figlia della Dc di sinistra) e dunque mai del tutto guarito dall’antica malattia delle scissioni, sta pensando nuovamente a Romano Prodi, già presidente del...

L’Asia vola, l’Europa corre, l’Italia cammina e il Sud arranca

L’Asia vola, America e Europa corrono, l’Italia cammina. E neanche speditamente, a dire il vero. In estrema sintesi, è quanto emerge dalla lettura incrociata di taluni indicatori economici, questa settimana. Dati che hanno il merito di contestualizzare a livello planetario – come è sempre più corretto che sia – l’andamento economico di quella che resta pur sempre la settima...

Parlamentari del PD nella lista degli “affidabili” del finanziere Soros

L’inflazione rallenta (a ottobre è registrata all’1%, a settembre era all’1,1%) eppure aumenta il costo del “carrello della spesa” (+1,7% annuo), in particolare dei beni alimentari. La disoccupazione resta stabile all’11,1% (ai minimi da cinque anni, precisa l’Istat) ma il tasso dei senza lavoro (14-24 anni) risale al 35,7% (+0,6 punti percentuali su base mensile). C’è qualcosa che non...

Fuga dei partiti dalla realtà

Settimana ricca di notizie e, forse, anche di colpi di scena sul piano sia della politica che dell’economia. Era cominciata col botto della maggiore autonomia richiesta dalle regioni Lombardia e Veneto a favore della quale – come si sa – si sono espressi gli elettori locali che si sono recati alle urne. Pochi, in verità, nella regione della cosiddetta...

Lo schiaffo di Macron restituisce l’orgoglio all’Italia

di Antonio Arricale Sarà il caldo torrido portato dall’anticiclone Lucifero, sarà il tasso di umidità che amplifica la percezione asfissiante dell’afa, sarà che agosto è il mese che rallenta naturalmente la sinapsi delle cellule cerebrali, ma in questo periodo l’opinione pubblica resta oggettivamente frastornata dalla lettura dei notiziari. Ovviamente, è la guerra in corso – fortunatamente solo commerciale – tra...

La credibilità dei politici in fumo con i boschi

Dopo il fuoco, l’acqua: nel senso di siccità. Dalla realtà alla metafora il passo è breve. Con i boschi brucia di tutto, anche la politica, sia interna che internazionale. E incenerisce lo stesso ideale europeo, di cui pure i più, qualche mese fa, con le elezioni di Emmanuel Macron all’Eliseo, hanno scoperto di avere vivo. Sbagliando, è chiaro. Insomma,...

Borse euforiche, il banchiere Macron rassicura i mercati

  Le principali Borse europee hanno aperto la prima seduta della settimana in forte rialzo dopo l'esito del primo turno delle elezioni presidenziali in Francia. A Parigi il Cac40 segna un brillante +4.23%, seguito da Piazza Affari a Milano dove il principale indice segna +3.87%. Positivo anche il Dax30 di Francoforte +2.73%, e il Ftse100 di Londra l'1,78% e...
- Advertisement -

Guarda lo Speciale Eicma 2017


Guarda Confindustria News


Guarda la Newsletter di oggi












 

I più letti

News