Erasmus giovani imprenditori: bando da 6 mln

15

Un invito a presentare proposte per selezionare le organizzazioni intermediarie che implementeranno l’Erasmus per giovani imprenditori, nell’ambito del programma Cosme: a lanciarlo è l’Agenzia europea per le Pmi (Easme) che mette Un invito a presentare proposte per selezionare le organizzazioni intermediarie che implementeranno l’Erasmus per giovani imprenditori, nell’ambito del programma Cosme: a lanciarlo è l’Agenzia europea per le Pmi (Easme) che mette sul piatto un budget complessivo di 6 milioni di euro. Di che cosa si tratta L’Erasmus per giovani imprenditori è un programma di scambio transfrontaliero che offre ai nuovi imprenditori o aspiranti tali l’opportunità di apprendere come gestire un’attività imprenditoriale da professionisti già affermati. Il programma coinvolge pertanto nuovi imprenditori, ovvero giovani seriamente intenzionati a costituire una propria impresa o che abbiano avviato una propria attività negli ultimi tre anni; imprenditori già affermati, titolari o responsabili della gestione di una Pmi in un altro Paese partecipante al programma. Lo scambio di esperienze avviene nell’ambito di un periodo di lavoro presso la sede dell’imprenditore esperto, il quale aiuta il neo-imprenditore ad acquisire le competenze necessarie a gestire una piccola impresa. Il soggiorno è cofinanziato dall’Unione europea. I vantaggi sono reciproci, perché da un lato l’imprenditore ospitante ha l’opportunità di considerare la propria attività sotto nuovi punti di vista, collaborare con partner stranieri e informarsi su nuovi mercati, mentre il neo-imprenditore può acquisire nuove competenze direttamente sul campo. Sovvenzione ai neo-imprenditori Il sostegno finanziario fornito ai nuovi imprenditori contribuisce a coprire i costi di viaggio e soggiorno. La sovvenzione viene pagata dal centro di contatto locale, scelto dal beneficiario stesso (che ne specifica l’identità nella propria candidatura on-line). Il nuovo imprenditore e il suo centro di contatto locale firmano un accordo che definisce l’importo del finanziamento assegnato per il soggiorno all’estero e le modalità pratiche di pagamento (ad esempio versamento parziale all’inizio dello scambio, pagamento mensile). L’aiuto finanziario è calcolato su base mensile e riflette il costo della vita del paese di destinazione. Organizzazioni intermediarie Il bando lanciato dall’Easme è rivolto a soggetti pubblici e privati (Camere di commercio, centri di formazione superiore, incubatori, startup, parchi tecnologici) che, in qualità di intermediari, dovranno garantire l’implementazione del programma Erasmus per giovani imprenditori a livello locale. Risorse e scadenza Le organizzazioni intermediarie dovranno coinvolgere nuovi imprenditori e sostenerli nell’accesso al programma. L’Easme selezionerà circa 12 proposte, ognuna delle quali riceverà un contributo fino a 500mila euro. Le domande vanno presentate entro le 17 del prossimo 3 giugno.


Risorse complessive 6 milioni di euro Contributo massimo Fino a 500mila euro Chi può partecipare Camere di commercio Centri di formazione superiore Incubatori Startup Parchi tecnologici Scadenza Ore 17 del 3 giugno 2015