Le variazione delle quote nel betting: quanto conta la stabilità

189

Il mondo delle scommesse sportive ha preso ormai piede in Italia come in Europa e coinvolge ogni anno moltissimi utenti fra appassionati di sport e amanti dei giochi online, per questo molti casinò oggi offrono anche una sezione specifica per le scommesse. Anche se in realtà è possibile scommettere su moltissime cose, di certo lo sport è il tema più apprezzato e seguito.

Secondo l’Agimeg in Italia negli ultimi anni si è speso annualmente per oltre 10 miliardi di euro circa, con un aumento progressivo di anno in anno specie nelle scommesse virtuali. Questo fenomeno si è ovviamente accentuato nel corso di questo difficile 2020, in cui sostanzialmente gli scommettitori si sono tutti spostati sul web per via delle chiusure delle sale da gioco tradizionali.

Il betting calcistico costituisce un giro d’affari milionario, non solo in Italia, ma anche nel resto dei Paesi d’Europa, anche se c’è da dire che altrove le scommesse sono divise in modo più equo in tutti gli sport. Accanto al calcio troviamo in particolare grandi volumi sul rugby e sul basket. 

La questione quote e la sua importanza

Il crescente interesse per il mondo del betting in Italia e in Europa ha fatto sì che nel corso del tempo i siti di betting siano andati moltiplicandosi. L’offerta sul web è di conseguenza oggi molto ampia e variegata. Non tutti i portali, però sono ovviamente tutti uguali e sta all’utente scegliere al meglio, dedicando tempo e attenzione alla ricerca del miglior bookmaker, che sia capace di garantire sicurezza dei dati, pagamenti puntuali, chiarezza e ovviamente delle quote vantaggiose.

La questione delle quote e delle loro variazioni è di importanza fondamentale quando parliamo di scommesse perché è sulla base di queste che si regola l’importo della vincita. Esse sono inoltre elemento d’analisi indispensabile per fare betting ad alto livello, per fare quello che si definisce scalping (cioè generare piccole vincite, ma continue con azioni rapide), ma anche per migliorare le proprie performance in generale.

Il professionista del betting cerca quote più stabili possibile

Le “oscillazioni” del valore delle quote di solito, benché così importanti per lo scommettitore, non sono un elemento immediatamente verificabile perché dipende da molti fattori e sono argomento che i bookmakers custodiscono, di norma, gelosamente per sé. Questo specie se è solito al dropping odds, o meglio alla brusca variazione delle quote in negativo sulla base di un cambiamento nelle probabilità: cosa ovviamente a forte svantaggio del giocatore.

È per questo che i professionisti del betting normalmente cercano i bookmakers che offrano non solo le quote più vantaggiose, ma quelle più stabili. Nella carrellata dei bookmakers come Snai, Sisal, per esempio, spicca in questo senso Betfair, con la sua piattaforma exchange, che ha introdotto da anni anche per il pubblico italiano un metodo innovativo per scommettere sugli eventi sportivi, in grado finalmente di garantire sempre quote più o meno stabili, consentendo quindi all’utente di avere maggiori garanzie.

Cosa sono le variazioni delle quote

Le quote costituiscono fondamentalmente l’aspetto più “matematico” per cui un determinato evento si verifichi o meno. È una “quantificazione della probabilità”: potremmo paragonarla per capirci alla probabilità di incidente/di rischio che si fissa nella definizione del premio di un’assicurazione. Se varia la probabilità, varia il premio, così come il cambiamento, di varia natura, di una condizione che ha a che vedere con le possibilità di vittoria, in positivo o negativo, di un match incide sulle variazioni delle quote.

Un infortunio, condizioni climatiche sfavorevoli, un cambio tecnico, fatti personali avvenuti nella vita di calciatori chiave di una squadra o altri fattori possono incidere sulle performance di un team e di conseguenza sull’esito di una partita. Questo mutare delle condizioni viene sostanzialmente “prezzato” dai bookmakers che modificano, quindi, proporzionalmente la percentuale di probabilità che un determinato evento si verifichi, quindi cambiano le quote.