Pompei, tensioni negli Scavi: arrivano le disdette dai turisti

52

Assemblee sindacali annunciate e poi revocate, negli Scavi archeologici di Pompei, dove si paventano disagi per i turisti che si mettono in viaggio con il rischio di trovare le domus chiuse. A causa delle tensioni tra lavoratori e Soprintendenza che hanno caratterizzato gli ultimi giorni, sono giunte disdette ai tour operator. “Per fortuna siamo in stagione di bassa affluenza – afferma Antonio Bifulco, titolare dell’agenzia turistica Tempiotravel a Pompei – qualcuno dei miei clienti ha spostato le prenotazioni, altri hanno disdetto. Meno male che non è il periodo delle crociere. Quando arrivano i crocieristi, infatti, hanno i minuti contati e non possono attendere nemmeno un po’. Guai a prospettare loro qualche ritardo o disguido agli ingressi. Attualmente il problema si pone con i cinesi. Anche loro hanno programmi rigidissimi e se leggono dai giornali o ascoltano in TV che a Pompei si rischiano disagi, subito disdicono il viaggio. E io qualche disdetta l’ho già avuta”.