Antonio Masiero nuovo presidente dell’Osservatorio Gravitazionale Europeo

54
in foto Antonio Masiero

Antonio Masiero, vicepresidente dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), è il nuovo presidente del Council dell’Osservatorio Gravitazionale Europeo (EGO), consorzio privato italo-francese nato dall’intesa tra il Centre national de la recherche scientifique (Cnrs) e l’INFN. L’Osservatorio, che ha sede a Cascina, in provincia di Pisa, è stato fondato nel 2000 per costruire e garantire il funzionamento dell’interferometro gravitazionale di seconda generazione Advanced Virgo. Negli anni il progetto ha coinvolto, oltre a Italia e Francia, Olanda (Nikhef -National Institute for Subatomic Physics), Polonia (Polgraw-Polish Academy of Science), Ungheria (Wigner Institute) e Spagna (Universitat de València); la costruzione dello strumento è stata ultimata a febbraio 2017 e nei mesi successivi Advanced Virgo si è unito ai due interferometri statunitensi LIGO, intercettando per la prima volta le onde gravitazionali lo scorso 14 agosto. Masiero, che prende il posto di Berrie Giebels, insegna Fisica teorica all’Università di Padova e da novembre 2016 è presidente di APPEC (Astroparticle Physics European Consortium), il consorzio che coordina la ricerca in fisica astroparticellare in Europa. “Presiedere in questo momento il Council di EGO rappresenta un impegno importante ed eccitante – dichiara in una nota dell’INFN –. La roadmap di APPEC per la fisica astroparticellare europea 2017-2026 sottolinea che l’aggiornamento di Advanced Virgo e la fase di R&D dell’interferometro sotterraneo ET pongono l’Europa al centro della futura infrastruttura di ricerca globale operante nel campo dello studio delle onde gravitazionali e dell’astrofisica multi messaggero. La sfida per EGO sarà portare l’osservatorio gravitazionale europeo a giocare un ruolo di primo piano nell’ambito di tale infrastruttura globale, promuovendo e valorizzando le grandi risorse umane, scientifiche e tecnologiche della scienza europea in questo vitale settore di ricerca”. Cambio al vertice anche per la direzione del Council – l’organo decisionale di EGO –, che vede subentrare all’italiano Federico Ferrini il fisico greco Stavros Katsanevas, dell’Université Denis Diderot di Parigi. “Il periodo è tanto delicato quanto eccitante: Virgo e LIGO entrano nell’era dell’osservazione – spiega Katsanevas –, dove la stabilità di funzionamento degli interferometri per lunghi periodi di tempo sarà un obiettivo importante, così come l’aumento della loro sensibilità. Arriva anche un entusiasmante periodo di definizione dei possibili aggiornamenti a medio termine di Advanced Virgo, e l’inizio della progettazione di un interferometro di terza generazione, l’Einstein Telescope, in un contesto globale”.